Di Caro sugli arbitri: “C’è una mediocrità diffusa, servono risposte dall’AIA”

Di Caro sugli arbitri: “C’è una mediocrità diffusa, servono risposte dall’AIA”

Il commento del giornalista

di Redazione Il Milanista

MILANO – Andrea Di Caro, giornalista e vicedirettore della Gazzetta dello Sport, ha fatto il punto della situazione sugli arbitri italiani.

Un milanista vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale!

Segui il Milan ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

IL SUO COMMENTO – “Ogni domenica cambiano i protagonisti ma la storia si ripete. Dall’inizio dell’anno ad oggi non si sono visti miglioramenti. Lo sappiamo, il ricambio generazionale è faticoso e non si vedono nuovi Collina, Rosetti o Rizzoli. Ma non possiamo accontentarci di una mediocrità diffusa e di poche eccezioni positive. Come si è arrivati a questo livello insufficiente? Perché il paese che sfornava gli arbitri per le finali mondiali oggi fatica a partorire fischietti in grado di gestire anche gare da metà classifica? Non bastano le analisi dei singoli episodi, dai vertici dell’AIA servono risposte più approfondite. Nel calcio sono tutti sotto esame, non solo allenatori e giocatori”.

Intanto, l’UEFA dice no: salta il fenomeno scelto da Leo > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy