ZOOM – Pronto a prendersi il Milan, Romagnoli sale d’autorità

ZOOM – Pronto a prendersi il Milan, Romagnoli sale d’autorità

Dopo un inizio non semplice, Alessio Romagnoli è salito in cattedra e ha preso il controllo della difesa rossonera

Romagnoli

MILANO – E’ stato il colpo di mercato che più ha fatto discutere in quest’estate. Che Alessio Romagnoli sia uno dei più grandi talenti del calcio nessuno lo mette in discussione, il valore del ragazzo è lampante. Le critiche erano rivolte alla società, decisa ad accontentare le richieste della Roma, apparse folli alla maggior parte degli addetti ai lavori. La dirigenza rossonera ha deciso che il Milan aveva bisogno di un grande investimento per il presente e per il futuro della difesa, in quest’ottica va visto l’affare Romagnoli e per questo il Milan ha speso così tanto

INIZIO BURRASCOSO – Il suo inizio di stagione, così come quello del Milan, è stato ben al di sotto delle aspettative, la pressione della cifra spesa per acquistarlo inevitabilmente ha influito su un ragazzo di vent’anni. L’avere sempre un compagno di reparto diverso ogni domenica di certo non l’ha aiutato, il punto più basso della stagione è stato a inizio ottobre, quando l’espulsione contro il Genoa è costata la sconfitta a Marassi e la successiva debacle in casa contro il Napoli, dovuta anche alla sua assenza.

SEGNALI DI RIPRESA – Dopo la sconfitta con il Napoli e il cambio di modulo, il Milan ha ritrovato risultati e solidità difensiva, anche se il gioco stenta a decollare. Romagnoli è cresciuto e se la difesa tiene gran parte del merito è suo, anche se ci sono ancora dei leggeri passaggi a vuoto che sono normali in un ragazzo così giovane. Il paragone con Nesta è pesante ed ovviamente eccessivo in questo momento, ma le prospettive sono rosee e con un centrale d’esperienza vicino come Alex ha trovato la giusta alchimia. Il Milan sbanda se lui non è al 100%, lo dimostra la trasferta di Frosinone dove Romagnoli ha fatto fatica e i rossoneri hanno incassato 2 gol da una neopromossa.

SFIDA AL PASSATO – Il cartellino giallo rimediato a Frosinone è il quinto stagionale, sarà dunque costretto a saltare la sfida a San Siro contro il Bologna il 6 gennaio. Una squalifica che sembra studiata a tavolino, visto che dopo la squadra di Donadoni il Milan farà visita alla Roma, squadra dove è nato e cresciuto Romagnoli. Sabato 9 gennaio sarà un banco di prova fondamentale per Romagnoli e per il Milan, il centrale under 21 dovrà dimostrare di saper reggere la pressione che avrà sulle sue spalle in una partita da ex, mentre i rossoneri vanno a caccia del primo successo contro una grande squadra. Esame di maturità in vista, Alessio Romagnoli pronto a caricarsi sulle spalle il Milan

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy