Rush Finale, De Sciglio sgrida il Milan: “Non possiamo prendere tre gol dal Frosinone”

Rush Finale, De Sciglio sgrida il Milan: “Non possiamo prendere tre gol dal Frosinone”

Il terzino parla del finale di stagione

MILANO – “Non possiamo permetterci di rischiare di giocarci l’accesso in Europa solo con la Coppa Italia. L’obiettivo è riuscirci riprendendoci il sesto posto con un atteggiamento diverso“. Il terzino del Milan Mattia De Sciglio suona la carica in vista del finale di stagione. “L’abbiamo già detto in questa stagione, dobbiamo dare tutti qualcosa di più. Per noi l’Europa è importante, per una squadra come il Milan si deve tornare in Europa. Vogliamo arrivare in Europa attraverso il campionato, sarà una gara difficile, ma dobbiamo entrare in campo per i tre punti – ha proseguito ai microfoni di Milan Channel in vista della sfida con il Bologna – Quando si scende in campo bisogna avere la forza di non sentire niente e nessuno e concentrarsi solo sulla partita. Quello che è all’esterno non ti deve toccare perché ti influenzerebbe e condizionerebbe la partita. Bisogna entrare in campo con la testa solo sulla partita“. 
COPPA ITALIA – Il giocatore rossonero si è proiettato poi sulla sfida con la Juventus nella finale di Coppa Italia. “Bisogna lavorare bene, arrivando ben preparati attraverso queste ultime due partite di campionato, che sono partite molto difficili, dobbiamo fare il massimo per raggiungere il sesto posto. Con un buon lavoro in questi giorni e nelle ultime due partite arriveremo preparati alla Finale di Coppa Italia. Avere la Roma all’ultima giornata sarà di grande stimolo per noi per tenere alta la concentrazione e la tensione in vista della finale – ha evidenziato – Era chiaro che non si potesse vedere un cambio drastico in pochi giorni con Mister Brocchi. La squadra sta assimilando sempre di più le sue idee e col tempo si vedrà il cambiamento nel gioco“.
INFORTUNIODe Sciglio si sta riprendendo dopo lo scontro di due settimane fa con Pawel Wszolek durante la sfida con l’Hellas Verona. “Sto bene, la ferita si è chiusa, è una ferita di gioco, ci può stare, mi sembrava il minimo chiedere scusa o come stavo, ma pazienza. Sicuramente abbiamo fatto un’altra gara contro il Frosinone rispetto a Verona dove dopo il gol ci eravamo disuniti – ha concluso il terzino del Milan – Domenica abbiamo fatto il contrario anche se una squadra che vuole arrivare in Europa come noi non si può permettere di prendere tre gol in casa dal Frosinone, con tutto il rispetto, a maggior ragione in casa“. Intanto il mercato tiene sempre banco >>> CONTINUA A LEGGERE
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy