Montali: «Maldini? Non ci può essere solo uno “one man show”»

Montali: «Maldini? Non ci può essere solo uno “one man show”»

L’ex dirigente della Roma ha parlato così della trattativa tra Fassone e l’ex capitano rossonero

MILANO – Intervenuto durante la trasmissione Tutti Convocati in onda su Radio 24, Gianpaolo Montali, ex dirigente della Roma, ha commentato così la trattativa tra Fassone e Maldini andata in scena negli ultimi giorni. “Marco è un uomo squadra, quindi io sono certo che a Maldini abbia proposto un ruolo dove bisogna collaborare e giocare di squadra. Probabilmente, secondo me, non è riuscito a motivare bene Maldini facendogli capire che quella è una grandissima opportunità per lui. Non conosco bene Maldini, non ho mai avuto la possibilità e la fortuna di conoscerlo, quindi non so che approccio ha avuto su questa cosa, di certo bisogna rendersi conto che nelle società che sono deputate in prospettiva futura a giocare per vincere e ad essere le migliori, ormai non ci può essere più un “one man show”, ma un gruppo di persone che lavorano insieme e che insieme prendono le decisioni. Conosco molto bene Marco Fassone perché, forse in pochi lo sanno, prima di andare alla Roma io e lui abbiamo messo in piedi tutto quello che era il progetto Napoli, scelto l’allenatore Mazzarri, scelto Bigon, lui non sarebbe venuto il primo anno ma sarebbe venuto il secondo, perché aveva alcuni anni di contratto alla Juventus, quindi insieme abbiamo preparato quel prospetto, quel progetto che era il Napoli Calcio. Dopodiché cosa è successo? Io sono andato alla Roma e lui è rimasto un altro anno li, però conosco molto bene la mentalità di Marco”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy