Milan alla Courtois di Conte: Jack is back ma l’Oscar è blues

Milan alla Courtois di Conte: Jack is back ma l’Oscar è blues

Una doppietta di Oscar e Traorè puniscono il Diavolo che trova un Courtois in formato mondiale

MILANO – Sfida tra deluse a Minneapolis tra Chelsea e Milan per l’ultimo appuntamento dei rossoneri nell’International Champions Cup 2016: tutte e due non parteciperanno alle coppe europee in questa stagione. Montella deve rinunciare a Ely per infortunio a cui si aggiungono le defezioni di Antonelli e Bertolacci. Nel 4-3-3, davanti a Donnarumma agiscono Romagnoli e Paletta al centro, con Calabria e Abate sugli esterni. La regia è affidata a Poli con Kucka e Bonaventura ai suoi lati. In avanti Luiz Adriano innescato dall’ispirato Niang e con Suso preferito ancora una volta a Honda.

PARTENZA SPRINT – Il Milan pigia subito sull’acceleratore in avvio di gara e capitan Abate sfiora la rete, bravissimo Courtois a negargli la gioia del gol con un intervento importante sul suo colpo di testa. Poi ancora l’ispirato Niang a sfiorare il vantaggio ancora Courtois protagonista a deviare il pallone in angolo. Il portiere belga si conferma in forma sullo sgusciante Niang il cui diagonale viene deviato in calcio d’angolo. Il Milan sprecone fa i conti con il Chelsea cinico di Conte: sono i blues a passare al venticinquesimo. Si apre una voragine sul settore destro difensivo rossonero, prodigioso Donnarumma su Moses ma sulla respinta il più lesto è Traorè a trafiggere l’estremo rossonero con un colpo di testa a porta vuota. Ci serve una pennellata di Bonaventura per scalfire il muro del belga: punzione a foglia morta dell’ex atalantino che si spegne nell’angolino per il meritato pareggio rossonero.

RISVEGLI – Montella torna a Milano per preparare la prima sfida di campionato con tanti spunti su cui lavorare: in questa competizione ha ritrovato un Niang molto ispirato, da migliorare assolutamente la tenuta sulle corsie esterne dove il Diavolo si è fatto spesso prendere di infilata: Poli è goffo sul rigore procurato per fallo di mano e che Oscar realizza per il vantaggio blues: il brasiliano sigla la sua doppietta personale con un diagonale a tre minuti dal termine. Cresce invece l’intesa tra la coppia centrale Paletta Romagnoli ad oggi quella titolare in attesa di ulteriori rinforzi. Bene anche Bonaventura che con la sua qualità può fare sempre la differenza. Contro un Chelsea imbottito di qualità nella ripresa – dentro anche Hazard che gioca senza numero di maglia buona parte del match – il Milan ha fatto un’ottima figura e senza un Courtois in formato mondiale avrebbe potuto contare su un passivo meno pesante. Il Diavolo chiude l’International Cup con l’indigestione inglese: due le sconfitte con Liverpool e Chelsea e un successo maturato ai calci di rigore contro il Bayern di Ancelotti. Intanto il mercato entra nel vivo >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy