Le voci, F. Galli: “Le due Champions? Emozioni diverse ma incredibili”

Le voci, F. Galli: “Le due Champions? Emozioni diverse ma incredibili”

Le parole del responsabile del settore giovanile del Milan

MILANO – Intervenuto a Milan Channel, Filippo Galli, responsabile del settore giovanile del Milan, ha parlato così ai microfoni di Milan Channel, in merito alla mostra andata in scena quest’oggi a Casa Milan sulla Champions League. “La prima Coppa dei Campioni avrei voluto tanto giocarla tutta e non solo 25 minuti in finale a causa di un infortunio che mi ha impedito di esserci per tutta la competizione. La seconda a Vienna solo 1 minuto e poi grazie alle squalifiche di Franco e Billy (Costacurta) l’intera partita ad Atene nel 1994 contro il Barcellona che mi ha dato una grandissima soddisfazione anche personale. Emozioni diverse ma incredibili. Se non le vivi difficilmente puoi capire cosa si prova”.

Poi sulla reazione del Milan in finale e sui giovani della rosa rossonera. “Me l’aspettavo e ci speravamo un po’ tutti. Nelle partite precedenti non erano riusciti a mettere in campo le motivazioni, in finale sì. Da qui bisogna ripartire per fondare una squadra che possa competere ai massimi livelli. E’ stata una soddisfazione per me che sono il responsabile e per tutti quelli che collaborano con noi. Siamo contenti per Donnarumma, Calabria e Locatelli, hanno dimostrato il loro valore. Da questa partita bisogna ripartire e credere fino in fondo a quello che questo Milan può dare”. Infine sulla Primavera. “Come sempre si dice l’obiettivo principale è quello di formare il giocatore per la prima squadra. Primavera, Allievi e Giovanissimi hanno dimostrato di avere un’identità. E’ chiaro che sia importante anche la vittoria nelle categorie più alte come Primavera e Allievi. Non sono arrivate e abbiamo individuato quello su cui andare a lavorare, mantenendo l’idea di base che i nostri ragazzi devono avere un’idea di calcio”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy