FOCUS – Il Milan e la maledizione delle neopromosse: contro il Bologna per sfatare il tabù

FOCUS – Il Milan e la maledizione delle neopromosse: contro il Bologna per sfatare il tabù

Le neopromosse, nella storia rossonera, sono sempre riuscite a dare filo da torcere

Milan

Il 2015 sta per concludersi ed è tempo di bilanci in casa rossonera. Il rendimento del campionato non è sicuramente dei più brillanti, l’attuale sesto posto in classifica delude società e tifosi. Troppi i punti persi con squadre alla portata dei rossoneri, ma soprattutto il dato che desta maggior preoccupazione riguarda le occasioni sciupate con le cosidette piccole. In particolar modo, il Milan nell’ultimo mese non è riuscito ad andare oltre al pareggio sia contro il Verona che con il Carpi. E proprie le neopromosse, nella storia rossonera, sono sempre riuscite a dare filo da torcere.
LA MALEDIZIONE – Infatti prima della vittoria di Frosinone, negli ultimi due anni e mezzo, su tredici confronti con squadre provienienti dalla Serie B sono arrivati appena cinque successi, e solamente uno lontano da San Siro. Altrettanti pareggi (ben due lo scorso anno contro l’Empoli) e tre sconfitte. La più clamorosa costò la panchina ad Allegri: Sassuolo-Milan 4-3 del 12 gennaio 2014.
ALLA RIPRESA UN’ALTRA NEOPROMOSSA – Il calendario si è divertito con le sorti del Milan. Infatti alla ripresa del campionato, Mihajlovic se la dovrà vedere con l’ultima delle tre neopromosse, il Bologna. Una partita che, maledezione a parte, è di per sé complicata: il club emiliano, nonostante lo scivolone con l’Empoli, è una delle squadre più in forma del campionato. Insomma, in una stagione comunque travagliata, battere due neopromosse sarebbe già un piccolo record.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy