ESCLUSIVA / Collovati: “I cinesi? Questo non è più il calcio italiano ma quello del futuro”

ESCLUSIVA / Collovati: “I cinesi? Questo non è più il calcio italiano ma quello del futuro”

Le parole dell’ex difensore del Milan e della Nazionale

MILANO – Intervenuto a Cittaceleste Tv, Fulvio Collovati ha avuto l’occasione di affrontare molti temi, concentrandosi in modo particolare sulla Nazionale e sul Milan. “Italia-Spagna? La partita è stata recuperata nell’ultima mezz’ora con un calcio di rigore e inaspettatamente si è ravvivata. Nella prima parte di gara abbiamo subito una lezione di calcio dalla Spagna. Sicuramente un punto guadagnato. Questo punto può darci fiducia. Capisco che ieri era una partita importante, però secondo me l’Italia si deve scrollare di dosso il passato di Conte. Forse con Immobile e Belotti, rispecchia di più l’Italia di Ventura che quella di Conte. Sono giocatori che hanno voglia e freschezza. Bisogna avere più coraggio. Giusto far giocare Romagnoli, che comunque nonostante tutto ha già esperienza in Serie A”.

MONTOLIVO – “Montolivo in fase calante? Ventura può aver fatto delle scelte discutibili, ma io non darei la colpa a Montolivo per il primo tempo dell’Italia. Potevi far giocare Verratti e Bonaventura, ma se hai subito in quel modo, è colpa di altre cose, dell’impostazione di gioco”.

IL GESTO DI PELLè – “La gestualità c’era anche ai nostri tempi ma era espresso in modo diverso. Questa invece è maleducazione. Giusta la punizione. Devi comportarti da professionista”.

BALOTELLI E IL FUTURO DELLA NAZIONALE – “Balotelli? Continuiamo a parlare di lui? Deve dimostrare di essere cambiato a livello mentale, perché il talento non è in discussione. Ora tutti vogliono Balotelli perchè ha fatto qualche gol. Io invece rimango perplesso. Se è cambiato deve dimostrarlo nel tempo, non in un mese o 20 giorni. L’attaccante del futuro è Belotti. Bisogna avere coraggio di lanciarlo come fece Bearzot con Paolo Rossi.

I CINESI – “Proprietà cinesi? Non è più il calcio italiano ma il calcio del futuro. Loro hanno grandi disponibilità economiche, che gli italiani non hanno più. Se vuoi competere a livello internazionale devi aprirti anche a questo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy