ASSALTO – Milan: parte il piano Gundogan

ASSALTO – Milan: parte il piano Gundogan

DORTMUND – La Gazzetta da il buongiorno ai tifosi milanisti con una bella sveglia fragorosa. Il Milan starebbe trattando infatti con il Borussia Dortmund per Gundogan, talentuosissimo centrocampista di origine turca autore del gol che tenne i gialloneri a galla nella finale di Champions contro il Bayern Monaco. Con l’affare…

DORTMUND – La Gazzetta da il buongiorno ai tifosi milanisti con una bella sveglia fragorosa. Il Milan starebbe trattando infatti con il Borussia Dortmund per Gundogan, talentuosissimo centrocampista di origine turca autore del gol che tenne i gialloneri a galla nella finale di Champions contro il Bayern Monaco. Con l’affare Witsel tutt’altro che in dirittura di arrivo, Galliani continua la ricerca per il centrocampista di qualità che risponda a tutti i requisiti richiesti dal tecnico e dalla dirigenza.

CALVARIO – Non è facile la trattativa, sia perché trattare con una società ricca come il Borussia non è cosa da poco, sia per il recente passato di Gundogan. Dopo la stagione 2012/2013, dove si è affermato come leader tecnico della squadra allenata da Klopp, è iniziato l’inferno: infortunio alla schiena in un’amichevole con la nazionale e 14 mesi di puro calvario. Il ritorno in campo il 18 ottobre 2014, tra gli applausi del Signal Iduna Park.

INCOGNITA – Il talento, come detto, non è in discussione, ma la tenuta atletica e mentale si. Sinisa ha bisogno di giocatori al top della condizione per iniziare il suo progetto al massimo e per soddisfare tutte le aspettative della piazza. Il Borussia chiede 25 milioni di euro, cifra a cui il Milan potrebbe arrivare tranquillamente se avesse però rassicurazioni sulla salute del giocatore. Inoltre il ciclo Klopp a Dortmund è finito e la dirigenza giallonera sta cercando di ricostruire magari monetizzando anche da cessioni illustri. Il Milan bussa e aspetta risposte.

Il Milanista

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy