I VOTI DEL MERCATO – La difesa: un cantiere aperto. Bene le cessioni

I VOTI DEL MERCATO – La difesa: un cantiere aperto. Bene le cessioni

Tempo di bilanci all’indomani della chiusura di questo mercato estivo, finito senza botti per il Diavolo. E’ il pacchetto arretrato il primo reparto sotto analisi, modificato tanto negli interpreti, ma che rimane ancora un grande cantiere aperto

finale ely romagnoli

DIFESA – Nella giornata seguente alla chiusura del mercato, che non ha regalato il botto tanto sperato dai tifosi rossoneri, la redazione de IlMilanista prova a stilare la pagella dei movimenti in entrata e in uscita reparto per reparto, iniziando dalla difesa, dove la dirigenza rossonera ha operato oculatamente, ma senza dare l’impressione di aver completato la batteria di difensori.

SUFFICIENZA –  Finalmente l’acquisto pesante c’è stato e ha un nome e un cognome, Alessio Romagnoli, erede designato per caratteristiche e per fede calcistica di quell’Alessandro Nesta che blindò a doppia mandata la difesa rossonera per anni. Investimento pesante, non c’è dubbio, ma era veramente da tempo che la dirigenza rossonera non puntava così forte su un giovane italiano che, nonostante i tentennamenti complessivi della squadra in questo inizio di campionato, ha dimostrato la lucidità e la leadership giusta. Servirebbe una compagno di reparto un minimo all’altezza, ciò che al momento non ha dimostra Redrigo Ely, reduce dal prestito all’Avellino. Sinisa lo ha scelto per iniziare una vera e propria rivoluzione difensiva, ma il brasiliano ha macchiato il suo debutto con la più ingenua delle espulsioni. Peccati di gioventù, è chiaro, ma il pubblico milanista ha il palato fine e potrebbe già aver bollato il giovane centrale. Per lui le occasioni potrebbero essere già finite, anche perché sarebbe davvero una sorpresa per tutti il suo impiego in una partita delicata come il derby, che potrebbe rilanciare le ambizioni di uno tra Zapata – suo l’errore sul gol dell’Empoli con la complicità di De Jong – e Mexes, fino all’ultimo sulla lista dei partenti. Da valutare l’inserimento del giovanissimo Calabria alle spalle degli uomini di fascia già rodati e affidabili.

BENE LE CESSIONI – Serviva sfoltire è così è stato. L’ultimo giorno di mercato ha convinto finalmente Zaccardo ad abbandonare il Milan, dopo mesi di tira e molla e dopo numerose offerte rifiutate dall’ex campione del mondo. Galliani è riuscito a piazzare con la formula del prestito anche Paletta, partito alla volta di Bergamo per firmare con l’Atalanta. E’ mancato forse l’esubero di Alex, ma ci sarà tempo per piazzare il difensore sul mercato brasiliano, magari aspettando la sessione di gennaio.

TRA I PALI – Ultima menzione per la porta, unico reparto che ha chiuso la stagione passata con un grandissimo segno più. Diego Lopez è una sicurezza e anche queste due prime uscite di campionato l’hanno confermato. Dietro di lui giusta la conferma di Abbiati, forse unico senatore rimasto che sarà decisivo soprattutto nel ruolo di chioccia per il giovane e promettentissimo Donnarumma. Buono l’accordo trovato con il Middlesbrough per la cessione di Agazzi.

DIFESA: VOTO 6+

__________________________________________________________________________________

Resta collegato tutto il giorno con IlMilanista.it. Sotto ogni articolo, a partire da metà mattinata, troverai il video della Rassegna Stampa. Leggi tutti i quotidiani in chiave rossonera con un semplice clic. IlMilanista.it ti aspetta inoltre con la sua diretta live, le voci del pre e post partita e il commento in occasione di ogni gara ufficiale e amichevole del nostro Milan. Accendi la tua passione rossonera.
__________________________________________________________________________________

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy