Bacca e il Milan, un divorzio che tarda ad arrivare

Bacca e il Milan, un divorzio che tarda ad arrivare

Il Milan intende monetizzare il più possibile, si aspetta ancora l’offerta giusta

MILANO – Carlos Bacca è stato l’ultimo acquisto oneroso della gestione Berlusconi: 25 milioni per strapparlo al Siviglia, dove ha conosciuto la sua consacrazione nel calcio europeo, con 50 gol spalmati in due anni e due Europa League. La prima stagione nel Milan è comunque buona, con 18 gol e spesso i suoi gol hanno evitato ai rossoneri figuracce.

L’estate scorsa tormentata dal West Ham che lo voleva a tutti i costi ma lui, convinto anche da Montella rimane e proprio all’esordio in campionato sembrava essere scoppiato l’amore: tripletta al Toro, tripletta a Joe Hart. Elogi su elogi, poi un altro gol decisivo a Genova contro la Sampdoria che risolve una partita che si stava complicando. E poi? L’attaccante colombiano si smarrisce nelle chiacchiere di mercato fin da gennaio, dove dalla Cina iniziano a rimbalzare delle voci, lui rimane, ma in campionato come in Coppa Italia non riuscirà più ad essere decisivo.

Adesso si vive una situazione da separati in casa: il Milan e Bacca sono diventati una coppia che si trascina un divorzio che sta subendo complicazioni. Le richieste non mancano e l’attaccante sa dove voler andare, ossia al Siviglia. Ma il Milan non accetta richieste di prestito, chiunque voglia prenderlo dovrà sborsare una cifra vicina ai 20 milioni di euro.

 

SEGUICI SU TELEGRAM: CLICCA QUI!

 

Ilmilanista.it

 

4

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy