Ramaccioni: “Meglio due top player che cinque giocatori che magari non sono così forti”

Ramaccioni: “Meglio due top player che cinque giocatori che magari non sono così forti”

Le parole a Tuttomercatoweb.com di Silvano Ramaccioni, ex dirigente del Diavolo

di Redazione Il Milanista

MILANOSilvano Ramaccioni, storico dirigente rossonero, è stato intervistato da Tuttomercatoweb.com sul futuro del club di via Aldo Rossi. L’intervista si apre con un commento sul rinnovo di Gattuso: “Questa è un’ottima cosa perché Rino ha dimostrato di saper fare bene con cio’ che ha a disposizione. Ora occorre correggere la squadra se davvero il Milan vuol ottenere i risultati del passato. Bisogna crescere“. Poi il discorso si sposta sui possibili partenti Donnarumma e Suso: “Sono due ottimi giovani su cui si può puntare per il futuro. Ma bisogna anche ricordarsi che tutti sono utili ma nessuno è indispensabile. Dipende anche dal disegno della società e dell’allenatore“. Ramaccionei poi viene chiesto di commentare Kalinic, che nonostante l’alto investimento non ha reso come ci si aspettava: “Mi ricordo che quando è stato acquistato, un procuratore disse che non era un uomo gol per il Milan. Ero un po’ perplesso perché con la Fiorentina aveva fatto vedere di essere un bel giocatore però capita pure l’annata sbagliata. E’ stato perseguitato da una condizione che non è mai stata al top. Adesso dipenderà dalle idee del club ma io gli darei una chance in più fermo restando che davanti servirebbe qualcosa in più“. E se lui fosse ancora nell’organico rossonero ecco cosa farebbe: “L’anno scorso ho visto che sono stati spesi 220 milioni facendo una montagna di acquisti. Nel calcio di oggi ci sono pochi top player ma credo che se ci saranno le disponibilità economiche meglio due top player che cinque giocatori che magari non sono così forti“. Leggi l’intervista in esclusiva a Scala —-> CONTINUA A LEGGERE 

Seguici anche su: Facebook / Instagram / Twitter

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy