Milan-Lazio, Gattuso: “Per battere la Lazio serviva una grande prestazione, bravi tutti. Romagnoli? Niente di grave”

Milan-Lazio, Gattuso: “Per battere la Lazio serviva una grande prestazione, bravi tutti. Romagnoli? Niente di grave”

Le parole di Gattuso dopo Milan-Lazio

di Redazione Il Milanista

MILANO – Gennaro Gattuso, tecnico del Milan, si è fermato a parlare ai microfoni di DAZN nel post partita di Milan-Lazio. Ecco le sue parole:

Un milanista vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale!

Segui il Milan ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

“Per giocare contro la Lazio serve intensità perché è una squadra difficile da affrontare. Una settimana fa abbiamo fatto vedere di essere in ripresa, oggi siamo stati bravi e coraggiosi a giocare. Ci siamo messi con Calhanoglu e Suso sotto punta e li abbiamo messi in difficoltà, ma oggi tutta la squadra ha giocato bene. Romagnoli? Nulla di muscolare, ha preso una vecchietta su Correa ed ha chiesto il cambio. Squadra mi segue? I giocatori devono lottare per la maglia, gli allenatori passano. Davanti a questo pubblico oggi avevamo il dovere di fare una prestazione gagliarda, la squadra è giovane ma ci sta dando dentro ed i momenti negativi ci stanno”.

Sulla rissa finale: “Mi sono anche stirato per lo scatto che ho fatto, ho visto che litigavano e si sono dette delle parole. L’importante è che sia finita qua. Da calciatore mi gasavano questa situazioni, ora vedo le cose con più testa. Poi non ho più l’età, se prendo uno schiaffo adesso… (Ridono, ndr)”.

Sulla pressione alta: “Ci stiamo lavorando e provando, Calhanoglu andava alto su Leiva. Dobbiamo migliorare perché non solo studiamo gli altri ma anche gli altri studiano noi. Borini ha permesso una pressione più alta, per caratteristiche lo fa”.

Su Piatek: “Non dimentichiamo che ha fatto più di 30 partire tra campionato e Nazionale. Mandarlo a giocare con Acerbi dritto per dritto il difensore va a nozze, dobbiamo trovarlo qualche volta anche a campo aperto. Molto bravo nelle sponde oggi, ma non lo abbiamo messo nelle condizioni di farlo esprimere al massimo”.

Ma intanto, l’Uefa fa saltare il primo colpo di Leo >>>CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy