Branchini: “Psg e Manchester City appartengono a due Stati”

Branchini: “Psg e Manchester City appartengono a due Stati”

Le dichiarazioni dell’agente

di Redazione Il Milanista

MILANO – L’agente sportivo Giovanni Branchini, ha rilasciato interessanti dichiarazioni ai microfoni di Rmc Sport.

Lo scandalo lanciato da Football Leaks, con l’accusa rivolta a Manchester City e Paris Saint-Germain di aver aggirato le regole del fair play finanziario, ha fatto finire i due club e l’Uefa nell’occhio del ciclone. Branchini ha detto la sua sulla questione.

LE SUE PAROLE – “Io mi faccio una domanda diversa, che va oltre il concetto di fair play finanziario: parliamo di due club posseduti da due Stati sovrani. Perché le autorità non si sono ancora espresse sul fatto che un Paese possieda un club di calcio? È quello che succede con Abu Dhabi nel caso del City e con il Qatar per il PSG. Paesi con questi bilanci non possono essere paragonati a club privati. Perché nessuno ha detto che è legittimo o illegittimo? È normale che un governo possa trovare mille canali per generare risorse in favore di un club, anche rimanendo nella legalità. Come può un consorzio di soci scontrarsi con uno Stato ricchissimo? Questo è il vero quesito. Io poi non sono un fanatico dei documenti trafugati, spesso non si sa neanche che gestione abbiano avuto. Leggo, come tutti. Ma sono anche non-notizie: quello fatto da City e PSG negli ultimi anni era sotto gli occhi di tutti”.

 

Ma intanto, nuova idea di Leonardo per il centrocampo: CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy