Biasin nel suo editoriale: “Gattuso prende a calci l’ombra di Conte”

Biasin nel suo editoriale: “Gattuso prende a calci l’ombra di Conte”

Ecco l’editoriale di Biasin

di Redazione Il Milanista

MILANO – Il giornalista di Libero, Federico Biasin, ha scritto per TuttoMercato un’editoriale sul Milan. Ecco cosa ha scritto:

Il Milan gioca bene e questa cosa è evidente anche a quelli de “l’ombra di Conte”. Gattuso sta prendendo a calci l’ombra di Conte e – sempre in maniera figurata – anche quelli che gli avevano già scavato la fossa e ora fanno finta di niente (mica scemi). Il Milan è pimpante dalla metà campo in su, se la gode con Higuain ma anche con Suso (ne abbiamo parlato settimana scorsa) e, al limite, deve trovare maggiore compattezza in difesa: non nei difensori e neanche nella “fase difensiva”, semmai nella capacità di spedire qualche pallone in tribuna quando serve (oh, capita anche al Barcellona). Qui però non vorremmo vestire i panni dei “maghi della tattica” che non siamo e, semmai, preferiamo dire in tre parole quello che pensiamo: il tanto bistrattato mercato della passata stagione sembra non essere tutto quello schifo che si diceva. Biglia sta finalmente tornando Biglia, Calhanoglu sa il fatto suo, Rodriguez pure, Kessiè anche, Musacchio è discreto titolare, André Silva capocannoniere in Spagna e Conti si vedrà. Certo, serviva Higuain per dare sostanza ai quattrini spesi un anno fa, segno che, forse, il vero peccato originale è stato quello di investire su Bonucci invece che su un bomber di razza. Totale: Mirabelli non è il fesso che qualcuno vuol far credere, ma attualmente è senza squadra e, quindi, tutti si permettono di dire tutto. Quando tornerà in una qualche club quelli che ora lo attaccano ricominceranno a chiamarlo direttore (“ué direttò!”) e buonanotte ai suonatori. Le cose da queste parti vanno così, che ci volete fare.”Intanto, tegola Italia: due rossoneri lasciano Coverciano. Rientreranno per il derby?: gli aggiornamenti > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy