Juventus-Milan, le pagelle: Calhanoglu unica luce

Juventus-Milan, le pagelle: Calhanoglu unica luce

Le pagelle di Juventus-Milan

di Redazione Il Milanista

Juventus-Milan

DONNARUMMA 5

Ne prende tre ma quello che fa male è il primo: un’altra Paparumma, una di quelle che allontana il Milan dal Paradiso della ChampionsLeague.

CALABRIA 5

Spinge molto, difende meno ma non è una novità. E Douglas Costa lo colpisce, lo affonda facendo del male a lui e al milan.

BONUCCI 6,5

Tra i primi fischi dei suoi tifosi di un tempo e i cori d’insulto Leo si sciacqua la bocca in uno Stadium dove ha bevuto per sette lunghi anni Champagne. Prosit.

ROMAGNOLI 6,5

Se Gonzalo non entra mai in area, se ci gira solo intorno gran merito è proprio di Ale. Monumento Nazionale da conservare.

RODRIGUEZ 5

Continua a non riuscire a decollare sulla pista di sinistra. E Cuadrado ringrazia…

KESSIE 6

Ci mette il fisico, poi il piede. E lì in mezzo fa la differenza almeno fino a quando il fiato lo aiuta.

BIGLIA 5

Si dimentica (concorso di colpe con JackPaulo Dybala sul goal che poteva uccidere il Milan. Poi decide di buttarlo giù per un giallo carissimo (niente derby) ma soprattutto si scorda di fare il proprio lavoro, quello di regista di qualitàSi piazza davanti la difesa a difendere, tappare qualche buco. Sprecato.

(76′ Montolivo 5: piccoli passi verso il derby…)

BONAVENTURA 5

E’ un momento difficile per Jack e in campo si vede. Non è tranquillo, non riesce a fare quello che vorrebbe nè davanti (spreca una grande occasione sul suo piede preferito), nè dietro: dove perde Dybala, poi anche Khedira. Peccato mortale.

CALHANOGLU 7

Col suo piede dolce batte angoli telecomandatiserve assist al bacio e sa come far tremare lo Stadium e quel buon vecchietto’ di Buffon.

(80′ Cutrone svForse doveva cominciare lui dal primo minuto)

ANDRE’ SILVA 5

A sorpresa Gattuso lo manda in campo, lui per ringraziare spedisce fuori di testa la palla da tre puntiCapriola all‘indietro.

(64′ Kalinic 5E’ come se non fosse mai entrato in campo)

SUSO 6

Fa il bello e il cattivo tempo dalle parti di Asamoah. Anticipo del prossimo derby della Madonnina in trasferta vinto dal rossonero.

GATTUSO 6

Una sconfitta immeritata, dura da accettare. Per come è arrivato il goal decisivo, per la prestazione, per essere stati capaci a mettere in difficoltà la Juvenuts a casa sua. Adesso testa e cuore all’Inter. Perdere significherebbe dire addio definitivamente ai sogni Champions.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy