Il derby è nerazzurro, il Milan perde il terzo posto

Il derby è nerazzurro, il Milan perde il terzo posto

Ecco il nostro commento sul derby

di Redazione Il Milanista

MILANO – E’ successo di tutto nel 170esimo derby meneghino in Serie A: Milan e Inter si sono date battaglia in un’emozionante stracittadina, senza esclusioni di colpi.

L’inizio è stato da incubo per i rossoneri, che si sono ritrovati in svantaggio dopo appena tre minuti di gioco. La difesa, che fino a stasera era stata il punto di forza della squadra, è andata totalmente allo sbando davanti alle iniziative degli uomini di Spalletti, affamati di riscatto dopo l’eliminazione dall’Europa League. Primo tempo completamente regalato all’Inter, in cui il Milan è sembrato solo un lontano parente della squadra che, nell’ultimo periodo, aveva ottenuto ben cinque vittorie consecutive. Nella ripresa, dopo il raddoppio nerazzurro, i ragazzi di Gattuso hanno mostrato segnali di risveglio ma l’Inter ha sempre tenuto il campo meglio, giocando a ritmi più alti e con più convinzione. Bakayoko ha trovato il suo primo gol col “Diavolo”, ma non è bastato a strappar via punti.

MALEDIZIONE DERBY – Il 3-1 di Martinez (su rigore) sembrava poter tagliare le gambe ai rossoneri, che con grande cuore hanno accorciato di nuovo le distanze, grazie a Musacchio. Tuttavia, sono mancate intensità, qualità e, in alcuni casi, anche un pizzico di personalità al Milan di stasera. In questa stagione sono stati persi entrambi i derby (non accadeva dal 2011/2012): una macchia pesante che potrà esser cancellata solo in caso di qualificazione alla Champions League. Inoltre, il “Diavolo” non conquista la stracittadina dal gennaio 2016. La squadra di Gattuso non è più al terzo posto, è vero, ma dieci partite sono tante e non è il caso di fasciarsi la testa: le grandi squadre si rialzano dopo le sconfitte più dure, e questo dovrà fare il Milan già dalla prossima partita.

Intanto, Leonardo fa paura: colpo pazzesco in attacco > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy