Ibrahimovic: “Non volevo andarmene dal Milan, Galliani…”

Ibrahimovic: “Non volevo andarmene dal Milan, Galliani…”

Le rivelazioni dello svedese

di Redazione Il Milanista

MILANO – Zlatan Ibrahimovic continua ad essere l’oggetto dei desideri di mercato in casa rossonera.

Rimane viva infatti l’ipotesi di un suo clamoroso ritorno al Milan già a gennaio, per andare a rinforzare il reparto avanzato di Gattuso che, in questo momento, può contare solo su due centravanti di ruolo. Nel suo secondo libro autobiografico, intitolato “Io sono il calcio”, Ibra è tornato a parlare del suo trasferimento al Psg nel 2012, svelando un interessante retroscena.

IL SUO RACCONTO – “Galliani mi ha detto: Non preoccuparti Zlatan, non ti venderemo. Qualche settimana dopo ero nella mia casa di Vaxholm, ho fatto un giro in moto d’acqua e poi ho visto cinque chiamate perse di Mino. Diceva: Raiola chiede di incontrare Ibra il prima possibile, ma preferisce sistemare al telefono. Ok, ho risposto. Leonardo ti chiamerà. Leonardo? Quale Leonado? Poi ho immediatamente realizzato, mi ha parlato di Leonardo, il ds del PSG. Poi ho risposto a Mino: Senti, non risponderò a questa chiamata, Galliani mi ha confermato che non mi venderà. Mino mi ha semplicemente detto: Lo so, ma ti hanno già venduto. Quando parlai con Mino quell’estate, gli dissi che volevo renderla difficile al PSG. Volevo mantenere lo stipendio che avevo al Milan, aspettandomi che loro dicessero: Amico stai esagerando, chiedi troppo. Volevo farli ritirare, così ho detto a Mino di scrivere tutto quello che volevo. Ho elencato tutti i miei desideri e quando ho finito, ho detto ad Elena che non avrebbero mai accettato, era impossibile. Dopo solo venti minuti Mino mi ha richiamato dicendo: Hai tutto quello che hai chiesto. Non c’era modo di tornare indietro e ho risposto: Ok, prepara tutto. Sono un uomo di parola, quando dico una cosa la faccio”.

Ma intanto, nuova idea di Leonardo per il centrocampo: CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy