ESCLUSIVA – Pagni: “La sosta arriva nel momento giusto, spero di vedere Biglia con Bakayoko. Champions? Milanesi più strutturate delle romane…”

ESCLUSIVA – Pagni: “La sosta arriva nel momento giusto, spero di vedere Biglia con Bakayoko. Champions? Milanesi più strutturate delle romane…”

In esclusiva le parole del noto giornalista

di Redazione Il Milanista

Di Giovanni Manco

MILANO – Luca Pagni, noto giornalista de La Repubblica e del blog BollettinoMilan, ci ha concesso un’esclusiva intervista.

Il Milan veniva, nonostante prestazioni opache, da un buon momento. Cosa cambia dopo la debacle nel derby? “Il prossimo turno sarà decisivo per la volata Champions, ci saranno scontri diretti importanti. L’assioma è che il Milan dovrà vincere a Genova e tifare per Napoli ed Inter così da creare un solco con le concorrenti romane. Il fatto che ci sia la sosta aiuta, altrimenti il Milan avrebbe avuto pochi giorni per riprendersi dopo un ennesimo esame di maturità fallito e l’ennesimo derby perso. Il Milan si ripresenterà più motivato anche perché alcuni giocatori avranno il morale alzato per gli impegni con le Nazionali, basti vedere Paquetà con la 10 ed il gol decisivo di Piatek ieri sera. Ma anche Donnarumma che difenderà la Nazionale… La sosta è stata provvidenziale. Poi mi aspetto anche qualche cambiamento in campo perché nelle ultimissime partite il Milan non è parso brillante, guardiamo il primo tempo con l’Empoli e le gare con Chievo e Sassuolo”.

Un cambiamento tattico può essere la coesistenza Biglia-Bakayoko? “Biglia ha giocato molto bene dimostrando ottima gamba e la capacità di portare ordine. Io mi sono permesso di dire sul mio blog che sarebbe bello vederlo giocare con Bakayoko, addirittura a due, permettendo a Paquetà di poter giocare più libero e vicino a Piatek. Ci staranno pensando, ma Gattuso ha difficoltà a discostarsi dal 4-3-3 che considera il modulo migliore con i giocatori che ha a disposizione”.

Come valuti la gestione del caso Kessie-Biglia? “Mi è piaciuta per molti motivi. Gattuso ha sottolineato che è stata una scenata, davanti a tutti non va bene. Mi è piaciuto anche Leonardo che ha preteso di risolvere la cosa immediatamente. Una società come il Milan, esempio per anni, deve fare così. Poi c’è stata la convocazione e la multa per le parti. Infine mi è piaciuta anche la presentazione davanti alle telecamere per chiedere scuse, anche se mi p sembrata un po’ eccessiva tipo esecuzione che avveniva nei reggimi comunisti (ride, ndr). Detto questo io non li terrei fuori per punizione, credo che il Milan abbia bisogno di tutti. Eviterei scene come quelle della Juve con Bonucci, la storia dello sgabello… L’intervento mi è parso già abbastanza severo così”.

Kessie, Suso, Calhanoglu… Chi è più indicato per lasciare in estate? “Il Milan sta cercando un accordo con Uefa e Tas, però ammettendo che accordo non ci sia sta cercando di far quadrare i conti. La società ha due esigenze: migliorare la qualità della squadra ed aumentare i centimetri e la fisicità. Secondo me Cutrone verrà dato in prestito, con Suso si può fare plusvalenza e da Calhanoglu ci si aspettava di più…”.

Champions sì o no? “Sì, a meno che non ci sia un cataclisma. Andare in Champions vorrebbe dire fare meglio dello scorso anno, poi con la Coppa Italia sarebbe una stagione perfetta. La Roma è in difficoltà ed il vero pericolo e la Lazio, ma le milanesi mi sembrano più strutturate”.

Intanto, il Milan cambia: previste 5 cessioni > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy