ESCLUSIVA – Giannichedda: “Milan-Udinese è una gara delicata per tutte e due le squadre. Rossoneri in Champions? Più probabile la salvezza dei friulani…”

ESCLUSIVA – Giannichedda: “Milan-Udinese è una gara delicata per tutte e due le squadre. Rossoneri in Champions? Più probabile la salvezza dei friulani…”

L’ex Udinese ha parlato in esclusiva ai nostri microfoni

di Redazione Il Milanista

Di Giovanni Manco

MILANO – Centrocampista dell’Udinese – tra le altre – dal 1995 al 2001: Giuliano Giannichedda ha parlato per noi in esclusiva in vista di Milan-Udinese. Le sue parole sulla gara:

“Sarà una gara complicata per tutti. Il Milan deve vincer perché la lotta al quarto posto si è fatta serrata con il ritorno di Lazio ed Atalanta; l’Udinese invece con la vittoria del Bologna è lì e sta lottando seriamente per non retrocedere. Per cui sarà complicata. Per blasone e squadra però, il Milan è favorito”.

Giusto cambiare, a questo punto, l’aspetto tattico del Milan? “Gattuso sta provando qualcosa in allenamento, ma a parte il derby la squadra ha sempre fatto bene. Cambiare ora a 10 gare dalla fine è difficile, se lo farà vuol dire che qualcosa non sta funzionando. In questo momento del campionato però, mi pare molto difficile poter cambiare. Chi mi piace del Milan? Sono tutti ottimi giocatori. Non mi aspettavo Paquetà così veloce nell’ambientamento e sta facendo benissimo. Poi c’è Suso che è forte, Cahanoglu che è un ottimo giocatore, Biglia e Bakayoko idem. Ce ne sono molti bravi, la squadra ha sicuramente l’ossatura per arrivare terza o quarta ma la lotta è serratissima…”.

Tu che conosci benissimo l’ambiente, cosa sta succedendo all’Udinese? “Cambiare ogni anno ed affidarsi a tanti stranieri è difficile. Quest’anno l’Udinese ha cambiato troppo e non programmando le cose ti ritrovi in queste situazioni. Ora hanno cambiato di nuovo l’allenatore per togliersi da una situazione che nessuno ad Udinese si aspettava. Ma non se l’aspettavano neanche a Bologna, può succedere di tutto, le squadre che devono salvarsi (a parte Chievo e Frosinone) sono sullo stesso livello”.

Milan in Champions e Udinese salva? “Mah, in questo momento mi pare più facile che l’Udinese si salvi, almeno sulle percentuali. Per il Milan è difficile perché Lazio ed Atalanta sono più in forma, tutto è da giocare. Per quanto riguarda la salvezza l’Udinese la vedo un pochino avanti alle altre”.

Cosa non è andata a Pro Piacenza? “La stagione era partita benissimo e stavamo facendo un buon lavoro, poi quando nel calcio non si pagano gli stipendi e non ci sono i solvi per la gestione, è chiaro che finisce tutto. Resta una bella esperienza per me dal punto di vista professionale. Poi per i problemi societari non possiamo farci nulla, finché nel calcio non cambiano le regole assisteremo sempre a queste cose. Futuro? Aspetto tranquillamente”.

Intanto, Conte? Ecco chi arriva al posto di Gattuso > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy