ESCLUSIVA – Damiani: “Milan, in Supercoppa non parti battuto. Higuain…”

ESCLUSIVA – Damiani: “Milan, in Supercoppa non parti battuto. Higuain…”

Ecco le dichiarazioni rilasciate ai nostri microfoni dal noto procuratore

di Redazione Il Milanista

Di Simone De Bari

MILANO – In vista della finale di Supercoppa Italiana tra Milan e Juventus, in programma mercoledì prossimo, abbiamo contattato Oscar Damiani, doppio ex della sfida.

Damiani ha vestito la maglia bianconera dal 1974 al 1976 e quella rossonera dal 1982 al 1984. Una volta terminata la sua carriera da calciatore, è diventato uno dei più importanti agenti sportivi.

Quali sono i ricordi più belli della sua esperienza da calciatore di Milan e Juventus?

“Con il club bianconero sicuramente lo Scudetto vinto nel ’75. Con il Milan il ritorno dalla Serie B alla A nella stagione ’82-’83. La squadra veniva da momenti molto complicati e conquistare la promozione per tornare nella massima categoria fu molto bello”.

Mercoledì prossimo le sue ex squadre si affronteranno in Supercoppa: che partita vedremo?

“In una sfida secca può succedere di tutto e lo dimostra anche il passato. Ovviamente la Juve è favorita, ma penso che il Milan possa giocare una grande partita; i rossoneri non sono battuti in partenza. La squadra di Allegri è più forte ma i ragazzi di Gattuso, in una partita unica, possono fare risultato”.

Non si placano le polemiche, anche da parte delle Istituzioni, sulla scelta di giocare in Arabia Saudita: che ne pensa?

“Sul piano politico sono altri gli interventi che dovrebbe fare il governo italiano. Abbiamo rapporti commerciali con l’Arabia, quindi non capisco perché non si possa giocare lì. Di sicuro non parliamo di un Paese dove tutto è perfetto, ma questa polemica mi sembra un po’ sterile. Se si vuole fare qualcosa di significativo, bisogna farla a livello nazionale, non a livello calcistico”.

Quanto peserà per il Milan l’assenza di Suso?

“Sicuramente molto perché lo spagnolo è un giocatore importantissimo per questa squadra. Tuttavia, il Milan ha in rosa degli elementi in grado di poterlo sostituire adeguatamente”.

Crede che al suo posto vedremo Paquetà?

“Il brasiliano è appena arrivato e onestamente non penso che verrà schierato dal primo minuto in una partita del genere. Ritengo però che ci siano buone possibilità di vederlo a gara in corso”.

Higuain affronterà di nuovo il suo passato e avrà l’occasione di riscattarsi dopo la pessima prova fornita nel match di campionato: se lo aspetta particolarmente motivato?

“Considerando che si tratta di una finale molto prestigiosa, con una grande platea di livello mondiale, credo che ci siano gli stimoli giusti per un campione come lui. Ha attraversato un periodo difficile, ogni tanto lo vedo un po’ nervoso e questo non lo aiuta. Mi auguro però che il gol segnato contro la Spal gli abbia dato morale e tranquillità. Mi aspetto una grande prestazione dal Pipita”.

Capitolo mercato: l’argentino può veramente lasciare il Milan?

“Mi sembra difficile ipotizzare una sua partenza in questa sessione, anche perché ora sarebbe molto difficile trovare un sostituto all’altezza. Credo che il club lo terrà fino a fine campionato e poi deciderà se riscattarlo o meno”.

Per il centrocampo si parla molto di Sensi, potrebbe essere il rinforzo giusto?

“E’ un ragazzo giovane e di ottime prospettive. E’ migliorato molto soprattutto nell’ultimo anno, anche se giocare nel Milan non è come giocare nel Sassuolo. Ritengo comunque che sia un ragazzo sul quale si possa fare un buon investimento”.

Intanto, assalto da 40 milioni: si chiude già a gennaio? > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy