ESCLUSIVA – Chiarugi: “Quel gol a Salonicco non lo scorderò mai. Milan-Napoli: ci sarà da divertirsi”

ESCLUSIVA – Chiarugi: “Quel gol a Salonicco non lo scorderò mai. Milan-Napoli: ci sarà da divertirsi”

Ecco le dichiarazioni dell’ex attaccante di Milan e Napoli

di Redazione Il Milanista
San siro milan

Di Simone De Bari

MILANO – In vista di Milan-Napoli, i microfoni della nostra redazione hanno contattato, in esclusiva, un doppio ex della sfida: Luciano Chiarugi.

Il 16 maggio 1973 il Milan alza al cielo di Salonicco la Coppa delle Coppe, battendo in finale il Leeds per 1-0, grazie ad un gol su punizione di Luciano Chiarugi. Quella rete resterà per sempre scolpita nella storia del club meneghino…

“Un’emozione incredibile, che non dimenticherò mai. Quella punizione ha permesso al Milan di vincere la seconda Coppa delle Coppe della sua storia, record per una squadra italiana. Inoltre, grazie a quella rete, ho vinto la classifica marcatori di quella edizione. Devo dire di aver avuto anche un po’ di fortuna, trovando l’aiuto del terreno di gioco e un intervento non impeccabile del portiere avversario. Peccato, però, per aver perso a Verona pochi giorni più tardi la partita che ci costò il campionato”.

Poi, nel ’76, si trasferì all’ombra del Vesuvio…

“Sì, e devo dire che anche a Napoli mi sono trovato molto bene. Tuttavia, quando è arrivato Di Marzio in panchina non ho trovato un grande feeling con lui. Devo comunque ringraziare il club partenopeo e, in particolare, Corrado Ferlaino: ho un bellissimo ricordo di lui, è stato un grande Presidente”.

Domani Milan e Napoli si affronteranno a San Siro: ce la possono fare i rossoneri a sovvertire il pronostico che li vede sfavoriti?

“Sarà sicuramente una partita molto interessante, entrambe le squadre si giocano molto. I ragazzi di Gattuso devono difendere il quarto posto e i partenopei vogliono accorciare sulla Juventus. Ci sono tutti gli ingredienti per potersi divertire. Credo che il Milan possa mettere in grande difficoltà il Napoli. Rientreranno i giocatori che hanno saltato la trasferta di Marassi per squalifica, senza dimenticare che ormai c’è anche Conti da poter schierare dal primo minuto. L’ex atalantino, da quando ha recuperato, ha fatto subito vedere di essere un ottimo giocatore, in grado di dare un contributo importante. Anche a Genova è stato decisivo con l’assist a Borini. Sicuramente questo Milan non parte battuto e può dare filo da torcere agli azzurri”.

Milan-Napoli è anche Gattuso-Ancelotti…

“Ovviamente c’è una differenza abissale per quanto riguarda l’esperienza, Carlo è un allenatore di spessore internazionale. Gattuso, dal canto suo, se la sta cavando bene sulla panchina di un grande club. Sta dimostrando di essere un tecnico in gamba, capace anche di sopportare le pressioni e le voci continue. Considerando tutte le difficoltà che ha avuto, fin qui ha svolto un grande lavoro. Non a caso, si trova al quarto posto: la classifica gli sorride”.

Quali sono i principali punti di forza dei partenopei?

“Davanti ci sono giocatori micidiali, ora anche Milik sta emergendo. Il polacco è in condizione smagliante ed è sicuramente in fiducia dopo gli ultimi gol segnati. Poi c’è Fabian Ruiz che si sta mettendo in evidenza in mezzo al campo. Si tratta di una squadra completa, forte sia nei titolari che nelle riserve”.

Domani potrebbe esordire Piatek: crede sia stato l’acquisto giusto per sostituire Higuain?

“Parliamo di un giocatore esploso inaspettatamente nel nostro campionato. Negli ultimi anni hanno vestito la maglia rossonera attaccanti che non hanno fatto bene, vedremo come il polacco assorbirà questo passaggio dal Genoa al Milan. In fase realizzativa avrà bisogno del supporto di Suso, che è forse il giocatore più importante di questa squadra. Sono convinto che se si inserirà nel migliore dei modi, con lo spirito giusto, Piatek potrà dare una grossa mano al Milan anche in futuro”.

Probabilmente avrà di nuovo spazio Paquetà dal primo minuto: come le è sembrato il brasiliano in queste prime apparizioni? 

“Ha subito mostrato una tecnica sopraffina. Il suo talento è indiscutibile, ma si prende ancora troppe pause. Deve trovare una sua dimensione e abituarsi al modo di giocare che c’è in Italia. Inoltre, dovrebbe essere più concreto in certe giocate, cercando di essere sempre presente nel vivo della manovra”.

Intanto, ecco l’ultimo colpo rossonero: la stella vuole il Milan! > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy