ESCLUSIVA – Aldo Serena: “Derby vibrante, la fase difensiva del Milan può fare la differenza. Tifoso? Sarò neutrale…”

ESCLUSIVA – Aldo Serena: “Derby vibrante, la fase difensiva del Milan può fare la differenza. Tifoso? Sarò neutrale…”

Aldo Serena in esclusiva per Ilmilanista.it

di Redazione Il Milanista

Di Giovanni Manco

MILANO – A pochi giorni dal derby della Madonnina, abbiamo intervistato un personaggio che ha avuto modo di vivere il duello da entrambi i fronti milanesi: Aldo Serena.

Che derby dobbiamo aspettarci? “Mi aspetto un derby vibrante perché ci sono in palio i posti per la Champions League. Il Milan è avvantaggiato da una posizione solida in classifica e da un momento buono, sono nel loro miglior momento della stagione. Per l’Inter è un periodo particolare con la polemica Icardi non risolta e con i tanti infortunati. Chi sta meglio dal punto di vista fisico e mentale è il Milan, ma i nerazzurri hanno giocatori che possono risolvere le partite in ogni momento”.

Il Milan potrà farsi valere grazie ad un centrocampo al momento superiore? “Il Milan ha equilibrio con Bakayoko, ma è tornato anche Biglia e non so che idea abbia Gattuso. Ricordiamoci poi che l’Inter ha anche l’impegno in Europa stasera che toglierà energie preziose, potrà arrivare un po’ in riserva rispetto al Milan. I rossoneri difendono con tutti i loro effettivi quando non hanno palla, più che di centrocampo parlerei di un atteggiamento difensivo del Milan che fa la differenza”.

Quanto di Piatek c’è nella ripresa del Milan? “Tantissimo. Quando trovi un attaccante che fa gol con un pallone o un pallone e mezzo, hai trovato tre quarti del risultato. Non è semplice trovare un attaccante con la sua voglia ed il suo intuito. Deve mantenersi così, un outsiders, se rimane con questa voglia e questa fame i gol li farà sempre”.

Con Icardi out, l’attacco dell’Inter è affidato a Lautaro Martinez: “Rispetto ad Icardi gioca più con i compagni, scende sulla trequarti e fa delle aperture efficaci. Non ha le capacità balistiche, in area di rigore, di Icardi. Non è infallibile, sbaglia un po’ di più ma è anche frutto del tanto lavoro che fa prima e non lo fa arrivare lucido all’atto decisivo”.

Domenica sera, Aldo Serena, sarà un tifoso o uno spettatore neutrale? “Da quando ho smesso di giocare e fare le telecronache, sono stato abituato ad estraniarmi e guardare la partita in modo neutrale. Quando c’è una mia ex squadra contro una con la quale non ho giocato allora la guardo con simpatia, ovviamente non in sede di telecronaca ma quando sono a casa mia. Quando ci sono due ex squadre, come in questo caso, non faccio il tifo. Con l’Inter ho fatto 7 anni, con il Milan 3 dove anche se non ero più efficiente ho vinto due scudetti ed ho fatto un primo posto in Serie B. Sarò neutrale, mi piace guardarla così”.

Aldo Serena dove si schiererebbe, tra Suso e Calhanoglu o tra Perisic e Politano? “Io nella mia carriera, purtroppo, ho fatto solamente due stagioni con un modulo come questo (4-3-3, ndr). Al Torino con Schachnner ed all’Imter con Diaz. Negli altri campionati ho sempre giocato con una punta di ruolo al fianco. Per le mie caratteristiche stare in mezzo a due esterni, che siano Suso e Calhanoglu oppure Perisic o Politano, è indifferente. In quella posizione si esprime il mio essere calciatore. Inter o Milan, anche in questo caso, vanno bene tutte e due”.

Intanto, Gazidis impressionante: punta al meglio della Serie A > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy