Ulivieri: “Milan e Inter, difficile per i loro allenatori”

Ulivieri: “Milan e Inter, difficile per i loro allenatori”

Le due squadre milanesi si trovano ad affrontare un momento complicato: la guida tecnica dovrà avere a che fare con una piazza assetata di vittoria, che vorrebbe rivedere in poco tempo le squadre competere a livelli alti, e affrontare con tranquillità il cambiamento dall’interno, non facendo pesare le pressioni interne

MILANO – Milan e Inter non attraversano un momento facile. Mai nella storia entrambe hanno vissuto insieme momenti così negativi, perdendo la loro posizione di supremazia all’interno del calcio italiano. Di conseguenza è difficile giudarle in questo momento: le aspettative dei tifosi, e non solo, sono alte, e gli allenatori si trovano a dover gestire una situazione molto complicata anche in rapporto alla piazza e al club. Ecco perchè il Corriere dello Sport ha intervistato Renzo Ulivieri, presidente  dell’Associazione Italiana Allenatori, riguardo la situazione delle due squadre meneghine.

Kucka

Ecco le sue parole: “Cosa succede alla Milano del pallone? Inter e Milan stanno attraversando un momento delicato e caratterizzato da difficoltà non economiche, ma soprattutto gestionali. Siamo di fronte a due società con un grande passato che faticano ad accettare di non essere più leader. Per questo alle prime difficoltà preferiscono buttare a monte un progetto piuttosto che avere pazienza e credere nelle scelte fatte. Ricominciare sempre da zero è complicato perché una squadra mette continuamente in dubbio le certezze che ha trovato, deve adattarsi a un nuovo sistema di gioco e inevitabilmente ci vuole tempo. Parlo in generale, non di Inter e Milan: nel mondo del pallone ci vorrebbe un po’ più di riflessione quando si decidono le rivoluzioni. L’allenatore ha dentro di sé uno spirito pionieristico e quando viene chiamato in una società, sa benissimo che c’è una situazione da raddrizzare e che la cosa può andare anche male. Se non avesse dentro di sé un tale spirito, non potrebbe svolgere questa professione”.

Intanto i cinesi assenti nella prima assemblea del nuovo Milan…CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy