Taarabt: “Avevo perso tutta la motivazione e l’amore per il calcio”

Taarabt: “Avevo perso tutta la motivazione e l’amore per il calcio”

Le dichiarazioni dell’ex esterno offensivo del Milan, ora in forza al Genoa.

Adel Taarabt, ex giocatore del Milan ora al Genoa, ha parlato del suo periodo buio al canale sportivo marocchino Arryadia: “Tutto è cominciato quando sono arrivato al Benfica. In quel momento l’allenatore era Jorge Jesus e fu Rui Costa a volermi. Jesus, però, se ne andò presto allo Sporting Lisbona, gli acerrimi rivali, e fui rilevato da Rui Vitoria, che arrivava dal Vitoria Guimaraes. È vero che non ero al top fisicamente, avevo preso qualche chilo in quell’epoca… Non stavo bene e ho deciso di trasferirmi a Genova, ma è stata dura. Avevo perso tutta la motivazione e l’amore per il calcio, proprio io che sono sempre stato un grande appassionato, che giocavo e non mi perdevo una partita di tutti gli altri campionati”.

MILAN, ITALY - APRIL 19:  Adel Taarabt of AC Milan (R) celebrates scoring the second goal during the Serie A match between AC Milan and AS Livorno Calcio at San Siro Stadium on April 19, 2014 in Milan, Italy.  (Photo by Claudio Villa/Getty Images)
MILAN, ITALY – APRIL 19: Adel Taarabt of AC Milan (R) celebrates scoring the second goal during the Serie A match between AC Milan and AS Livorno Calcio at San Siro Stadium on April 19, 2014 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

LA STAMPA MAROCCHINA – “Continuano a pubblicare notizie in cui mi accusano di partecipare a questa o quella festa, ma è tutto falso. Si tratta di giornalisti che non sono professionali, che non pensano ai danni che possono causare alla mia carriera e alla mia stessa famiglia inventandosi questi pettegolezzi. Per colpa loro ho ricevuto chiamate dai miei stessi parenti, che mi chiedevano se davvero il Benfica avesse deciso di cacciarmi”.

Seguici anche su Telegram: clicca qui e scopri come

IlMilanista.it

2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy