Suso: “Dobbiamo tornare in Europa e Montella sta azzeccando tutto”

Suso: “Dobbiamo tornare in Europa e Montella sta azzeccando tutto”

Su i giovani: “Donnarumma sarà un giocatore molto importante, Locatelli non deve rilassarsi”

MILANO – Suso, tra i protagonisti della rinascita rossonera, ha parlato all’emittente spagnola Radio Onda Cero: “Milan? Ci siamo posti l’obiettivo di tornare a giocare in Europa, al momento pensiamo solo a questo e a giocare partita per partita. Quello che abbiamo fatto finora non sarà servito a nulla se nelle prossime gare raccoglieremo cattivi risultati”.

Montella? Per il momento va tutto bene, stiamo facendo le cose con criterio e anche l’allenatore sta azzeccando tutto. Dopo tanti anni di problemi, era importante che qualcuno trovasse la formula giusta per rendere di nuovo competitivo il Milan e Montella ci è riuscito. Mi ha sorpreso molto per come ha puntato sui giovani, a lui non interessa l’età se possono dare un giusto contributo alla squadra. Siamo un Milan molto giovane, diverso dagli altri, si dice che in Italia questo può essere pericoloso ma stiamo dimostrando che non è così e dobbiamo proseguire su questa strada”.

Donnarumma? Donnarumma è molto bravo, ha tutte le qualità di un grande portiere nonostante sia giovanissimo. E’ chiaro che se resta a questi livelli, sarà un calciatore molto importante”.

Locatelli? Anche Locatelli gioca molto bene, l’importante è che non si rilassi e continui a lavorare”.

I miei idoli? Zidane e Ronaldinho erano i miei idoli, la loro classe, la loro magia sono sempre state una fonte d’ispirazione per me”.

A casa a piedi? Quello era un modo di dire, un esempio di qualcosa che sembrava molto improbabile. Ma sappiamo come è andata. Giocare il derby a Milano è una delle cose più belle che possono capitare a un calciatore. Quando ho fatto il mio debutto con Inzaghi al Milan, ho giocato contro l’Inter e ho sentito l’emozione di uno stadio intero al fianco della squadra. Si tratta di un incontro speciale, non c’è dubbio”.

Spagnoli in A? Per me il calcio italiano è il più difficile di tutti. Il più tattico e rigoroso. Le squadre sono bloccate ed è molto difficile giocare contro di loro. Ma mi sono adattato fin dal primo momento. Sia a Genova che a Milano mi sentivo a mio agio in questo tipo di calcio. E’ dai tempi di Liverpool che gioco a destra, pur essendo mancino: mi adatto bene e continuo a migliorare”.

Nazionale spagnola? E’ una buona notizia che Lopetegui sia il nuovo CT: pochi allenatori mi conoscono meglio di lui. Voglio continuare a lavorare così in modo da poter ottenere la chiamata in futuro. Speriamo”. Intanto spunta il nuovo nome della cordata…

LEGGI ANCHE 4 NOMI PER IL MERCATO

LEGGI ANCHE LAPADULA RESTA ROSSONERO

LEGGI ANCHE SPIRAGLIO PER THIAGO SILVA

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy