Niang: “Non sono titolare inamovibile. Prometto gol di testa e su punizione, ma devo ancora crescere”

Niang: “Non sono titolare inamovibile. Prometto gol di testa e su punizione, ma devo ancora crescere”

L’attaccante francese: “La coreografia era emozionante, abbiamo i tifosi migliori d’Italia”

MILANO – M’Baye Niang ha parlato a Milan tv: “Derby? E’ stata una bella partita. I tifosi hanno fatto molti cori e l’ambiente era bellissimo. Spiace per il gol al 92esimo. Abbiamo tanto margine di miglioramento e dobbiamo sfruttare queste partite per migliorare ancora”.

Rammarico ancora oggi? Siamo anche soddisfatti. E’ stato anche merito dell’Inter che ha fatto una bella gara. Sono stati bravi a pressare alto. Poi ovvio ci dispiace prendere gol così alla fine. Oggi abbiamo una bella classifica e abbiamo preso un punto con una bella squadra. La testa è ad Empoli”.

Tifosi? I tifosi sono stati fantastici. Ci hanno aiutato dal primo all’ultimo secondo. Sono i tifosi più belli che ci sono in Italia. L’hanno dimostrato in una partita difficile e nei momenti difficili. Li ringrazio e spero che lo stadio torni ad essere pieno”.

La coreografia? Il presidente lo merita. E’ la storia del Milan, è la sua storia. Era meritata e prima di una partita del genere era ancora più emozionante”.

Suso a casa a piedi? No è tornato in macchina perché pioveva tanto (ride). Non sarebbe mai arrivato. Dal giorno che è arrivato abbiamo subito visto le sue tante qualità. Siamo giovani e dobbiamo solo essere continui. Ci serve la fiducia che ti permette di dimostrate le tue qualità. Oggi Suso attraversa un buon momento e spero che ci aiuti come domenica a vincere”.

Io cresciuto come ala sinistra? Non dico che sono titolare inamovibile. Gioco con continuità, ma devo continuare ad avere prestazioni positive per giocare. Siamo un gruppo di 26 e in 26 sperano di giocare. Io devo sempre dare risposte al mister per giocare la domenica”.

Gli allenamenti con mister Caccia e la promessa di un gol di testa? Con i gol stiamo lavorando molto bene e abbiamo un rapporto speciale. Crede molto in me. Cerco di lavorare bene e dargli la domenica le risposte. Ho promesso un gol di testa e arriverà”.

Io a battere le punizioni? Sì perché sappiamo che i calci piazzati possono sbloccare le partite come fatto da Jack a Pescara. Lavoro su questo aspetto per completarmi al meglio anche se non faccio gol in gioco posso sbloccarla su punizione. Spero di migliorarmi tanto e perché no fare dei gol su punizione”.

Niang come uomo? Avendo esperienza, come ho sempre detto, si cresce. Ho avuto dei momenti che hanno fatto si che io crescessi. Non ho finito di crescere, sono molto giovane e devo imparare dagli anziani per diventare un grande calciatore e un grande uomo”.

Blocco importante per il Milan? Sì, dipende solo da noi. Siamo in un buon momento, siamo giovani. Abbiamo anche tanti giocatori esperti. Siamo un bel mix, dobbiamo continuare ad ascoltarli perché hanno più esperienza e ci aiutano. Se restiamo umili possiamo fare belle cose”

Empoli? L’Empoli non merita la classifica che ha. Sono molto organizzati e giocano assieme. Sono molto bravi. Dobbiamo andare con lo stesso spirito che abbiamo avuto con Inter e Juve. Se andiamo li sottovalutandoli, pensando che possiamo vincere è facile che sbagliamo. Dobbiamo essere convinti e fare quello che dobbiamo fare con umiltà. Dobbiamo prendere i 3 punti”. Intanto spunta il nuovo nome della cordata…

LEGGI ANCHE 4 NOMI PER IL MERCATO

LEGGI ANCHE LAPADULA RESTA ROSSONERO

LEGGI ANCHE SPIRAGLIO PER THIAGO SILVA

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy