Mirabelli: “Raiola uomo piccolo. Sogno? Regalare ai tifosi rossoneri la musica della Champions”

Mirabelli: “Raiola uomo piccolo. Sogno? Regalare ai tifosi rossoneri la musica della Champions”

Il ds rossonero ha rilasciato una lunga intervista al Quotidiano del Sud: “Esordire con l’affare Donnarumma non è stato facile. Puntiamo molto su Cutrone”

MILANO – E’ stato il protagonista di questa bollente estate insieme all’amministratore delegato rossonero Marco Fassone: Massimiliano Mirabelli, direttore sportivo del Milan, dopo una campagna acquisti stellare, si è raccontato  al Quotidiano del Sud: Cosa mi porto dietro dopa la vacanza calabrese? Tanta soddisfazione. Ho rivisto con piacere amici, ho riabbracciato gente che non vedevo da tempo. Devo dire che è stato un ritorno a casa in tutti i sensi. E poi si è avvicinata anche gente che non conoscevo, ma i loro sguardi, i loro occhi, mi hanno comunicato l’orgoglio, la loro felicità per me. Posso dire che è stata una bella sensazione”.

Ogni tanto se la fa questa domanda fra se e se: ma sto sognando? “Posso essere sincero? Non sono riuscito a fermarmi un attimo. La mole di lavoro in questi mesi è stata enorme. E poi le ore di lavoro per me non sono cambiate. Come lavoravo qui in Calabria, lavoro adesso a Milano. Il tempo che dedico al calcio è infinito. Sono stato catapultato d’un tratto in una situazione nuova, è vero, tutto molto bello, ma tutto è avvenuto in apnea”.

Dove ha conosciuto Fassone? Possiamo dire che è stato il tuo treno veloce? “Un treno super veloce. Fassone l’ho conosciuto all’Inter. Lì sono arrivato e avuto la fiducia di Piero Ausilio. Il mio ruolo era di capo osservatore, ma, da subito, ho avuto uno splendido rapporto anche umano con Fassone che all’Inter ricopriva il ruolo di direttore generale. Mi consultavo quotidianamente con lui: lunghe telefonate tra segnalazioni di giocatori promettenti e tanto altro. Poi quando è stato allontanato dall’Inter subito mi ha detto una cosa: dove vado ti porto con me. Così è stato. Posso aggiungere che lavorare con lui è un piacere perché per me non è umano, ma un vero e proprio extraterrestre”.

Come ha vissuto la lunga attesa del closing? C’è stato un attimo di timore che tutto svanisse?  “Ricordo a tutti che  avevo un contratto con l’Inter, quindi se non si chiudeva l’affare… Poi il mio tempo l’ho passato negli stadi di Europa. Ho visto partite, partite e ancora partite. Concentrato sempre e unicamente a vedere giocatori che potevano far parte di un progetto che per fortuna è partito”.

Lavorare con i cinesi. Quale la differenza con gli italiani? “Hanno le idee chiare. Vanno sempre diritti per la loro strada e non rispondono a nessun tipo di provocazioni o note stonate sulla stampa. Preferiscono, insomma, arrivare diritti al risultato. La loro ambizione è quella di riportare il Milan sul tetto del mondo entro cinque anni. Noi subito gli abbiamo detto che non sarà facile, ma siamo il Milan calcio e abbiamo il dovere di provarci”.

Fin da subito si è dovuto misurare con Raiola. Quando il buon Mino è andato in conferenza stampa e ha detto: con Mirabelli non voglio parlare, sinceramente come si è sentito? “Da gigante del calcio mercato, con quella frase Raiola, è diventato un uomo piccolo nei miei confronti. Esordire con l’affare Donnarumma non è stato facilissimo, ma ne siamo venuti fuori alla grande”.

Come ha fatto a convincere i genitori di Donnarumma, qual è stata la frase magica? “Possiamo andare avanti con le domande? Ne vorrei un’altra…”.

Agli ordini. Casa Milan, li dentro tutto parla di Berlusconi, ha conosciuto il Cavaliere, ha parlato con la vecchia guardia? C’è qualche piccolo racconto da lasciare al Quotidiano? “No. Ancora non ho avuto il piacere di incontrarlo. Ci sarà sicuramente occasione. Se per vecchia guardia si intende Maldini, Costacurta, Baresi… sì, abbiamo parlato, la storia del Milan non si cancella, resta la grande storia. Galliani, invece, viene ancora allo stadio ed è sempre un grande tifoso del Milan”.

In questo periodo gli amici sono aumentati, arrivano telefonate dei padri calabresi orgogliosi dei loro figli in carriera? “È normale che “gli amici” aumentano. Il mio telefono è sempre acceso per tutti. Se posso dare una mano la do con molto piacere, i padri vedono i propri figli campioni, ma non è sempre facile arrivare fino in fondo”.

La sua famiglia, punto centrale, quante volte sente sua moglie al giorno? Qualcosa è cambiato? “La mia famiglia è sempre al centro del mio mondo. Anche se nel periodo di calcio mercato ci sono state giornate che non sono riuscito a sentire nessuno. Nemmeno mia moglie. È stato tutto molto intenso, forte, con delle difficoltà elevate, ma siamo ancora in piedi”.

Crotone, Cosenza, Rende, le squadre calabresi, ha da dare qualche consiglio? “Inizierei a parlare della storia del Crotone. Una storia bellissima. I fratelli Vrenna meritano un applauso infinito. A Crotone hanno fatto un vero e proprio miracolo sportivo. Con promozioni su promozioni e poi hanno salvato il Crotone in serie A. Se ne parla ancora molto poco di questa storia, ma vi posso assicurare che è una roba straordinaria”.

Il Cosenza? “Ogni tanto riascolto quel grido nelle mie orecchie: lupi, lupi, lupi. in quello stadio quando arriva tutta la provincia c’è una magia particolare. Una bolgia pazzesca.  Auguro al Cosenza veramente di rientrare presto nel calcio dei grandi. Lo merita la città, lo meritano questi tifosi che non si risparmiano mai”.

Il Rende? “Società seria ed organizzata. Ho fatto avere al Rende già due ragazzi del Milan. Sono i fratelli Modic e non è escluso che a gennaio possano arrivare nella squadra biancorossa altri giovani interessanti di casa Milan. Nel calcio tutto è possibile. La società biancorossa è partita con il piede giusto. Bisogna restare con i piedi per terra, ma sognare non costa nulla”.

Il Milan e i giovani. Questo bomber Cutrone è una bella realtà, vero? “Lui faceva parte del settore giovanile del Milan, ma è un ‘98 in scadenza, poi lo abbiamo visto negli allenamenti e sinceramente il ragazzo ha grandi doti e può fare veramente bene. Crediamo in lui, come crediamo nei tanti giovani che sono in prima squadra. Poi Montella con loro ha un rapporto splendido. Siamo sulla buona strada, ma c’è tanto lavoro ancora da fare”.

Il suo rapporto con l’Inglese?  “Sto studiando”.

Qual è l’altro sogno di Mirabelli? “Regalare presto ai tifosi del Milan quella musichetta della Champion’s. Questo adesso è il mio più grande sogno”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy