Meani: “Il Milan non ha mai ricavato vantaggi”

Meani: “Il Milan non ha mai ricavato vantaggi”

L’ex addetto agli arbitri: “Le intercettazioni distorcono tutto perché chi deve interpretare non conosce il contesto in cui due persone che si frequentano parlano tra loro”

MILANO – Leandro Meani, ex addetto agli arbitri per il Milan, ha parlato al Corriere della Sera di Calciopoli: “Mi hanno dipinto come un delinquente. Le intercettazioni distorcono tutto perché chi deve interpretare non conosce il contesto in cui due persone che si frequentano parlano tra loro. Tra gli uomini di calcio è così: le spariamo grosse, ma sono solo boutade”.

Vantaggi? Il Milan non ha mai ricavato vantaggi. Nella mia intercettazione con Mazzei espressi un gradimento per Puglisi come guardalinee per Milan-Chievo dopo un’ingiusta sconfitta a Siena. Pur vincendo 1-0 subimmo due errori arbitrali gravi, tra cui un goal annullato a Crespo per fuorigioco che non c’era”.

Minacce? Dopo lo scandalo vita ribaltata. Per tutti ero ‘quello delle intercettazioni del Milan’. Mi arrivarono minacce. Telefonavano al ristorante e mi dicevano: ‘Ti ammazziamo’ o ‘Ti bruciamo il locale’. Per una settimana la questura mi ha lasciato la scorta”. Intanto Montella rivela il suo pupillo…

LEGGI ANCHE MONTELLA CHIEDE UN ESTERNO

LEGGI ANCHE PATO: “ANCELOTTI UN PADRE”

LEGGI ANCHE I CINESI SVELANO I NOMI

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy