Mauri: “Mihajlovic mi ha frenato. Il Milan è la squadra più importante d’Italia”

Mauri: “Mihajlovic mi ha frenato. Il Milan è la squadra più importante d’Italia”

Il centrocampista: “Il Milan? Ho visto un grande vittoria, conosco tutti i ragazzi che sono diversi anni che lavorano bene. Meritavano questa coppa”

MILANOJosé Mauri, centrocampista di proprietà del Milan in prestito all’Empoli, ha parlato a Calciomercato.com: “Empoli? Mi trovo abbastanza bene, sono in un gruppo sano di persone perbene. Era quello che ci voleva sul piano umano, l’inizio è stato positivo perchè ho trovato i minuti, ora un po’ meno. Sono sempre fiducioso per il futuro della stagione”.

La competizione con Dioussè? Assane è un ragazzo che conosco ormai da diversi anni, giocavamo sempre contro. Abbiamo legato fin da subito, ora non la prendo come una competizione. Lui è un ragazzo giovane come me, è tanto bravo. Sul piano professionale la prendo bene”.

Spogliatoio? Non ho problemi con nessuno e questo è già positivo. Ho legato di più con Dimarco e Saponara: Riccardo è il mio compagno di stanza e se ho un problema, o qualcosa da raccontare, vado da lui. Mi ha impressionato molto, vede sempre la giocata prima, in questo mi ricorda un po’ Cassano. Nel vedere gli spazi ce ne sono pochi come lui”.

Empoli favorito per la salvezza? Se dico di no sarei pessimista, sono venuto qui per salvarmi e siamo fiduciosi di raggiungere l’obiettivo iniziale”.

Il Milan? Ho visto un grande vittoria, conosco tutti i ragazzi che sono diversi anni che lavorano bene. Meritavano questa coppa, hanno avuto la rivincita sulla finale che abbiamo perso a giugno contro la Juventus”.

Se la sento mia? Ma no, è un discorso un po’ particolare. Sento la felicità, quasi come i ragazzi che l’hanno vinta”.

Se sono in contatto con i vecchi compagni? Con, praticamente, tutti ed è bello aver legato così dopo un solo anno al Milan. Ho trovato giocatori importanti e di esperienza”.

Cosa non è andato al Milan? Quello che non è andato, è un altro discorso (ride ndr)”.

Se rifarei la stessa scelta di andare al Milan? Ma si, ovviamente perchè il Milan è la squadra più forte e importante d’Italia”.

Mihajlovic? Mi ha frenato perchè non mi ha lasciato andare via. Io a gennaio gli avevo chiesto di essere ceduto in prestito, in realtà anche ad agosto, e lui non ha voluto. Con queste scelte sì, mi ha frenato”.

Anno nuovo? Chiedo all’anno nuovo di ritrovare i minuti di inizio stagione e mi rivedo, spero, nel Milan perchè ho ancora un contratto di due anni e mezzo”. Intanto arriva l’ufficialità per l’esterno dell’Everton…

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI MILAN

LEGGI ANCHE I COLPI PAZZI POST CLOSING 

LEGGI ANCHE MOURINHO APRE I SALDI IN CASA UNITED

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy