Locatelli: “2016 annata importante, ho realizzato i miei sogni”

Locatelli: “2016 annata importante, ho realizzato i miei sogni”

Il centrocampista: “Se riesco a giocare così tranquillo è meglio e sono contento”

MILANO – In occasione della festa di Natale del settore giovanile del Milan Manuel Locatelli ha parlato a Milan Tv: “I ragazzi? E’ tutto bellissimo, io ho vissuto la stessa emozione. Quando mi chiedono una foto penso che fino a poco fa le chiedevo io”.

I giovani? E’ bello che tanti siano in prima squadra. Io dico sempre di impegnarsi sempre e auguro ai miei ex compagni di passare in prima squadra”.

Esempio? E’ un mio obiettivo diventare un modello, ma non devo dirlo io. Devono dirlo loro”.

Stanco? No sono tranquillo. Se il mister dovesse scegliermi darò tutto. Sto bene fisicamente, se stai male a 18 anni è meglio che smetti”.

Atalanta? E’ stato un passaggio importante, ma ero piccolo. Per me è una partita come le altre che proveremo a vincere”.

Il 2017? Il 2016 mi ha cambiato la vita. Un anno importante e speciale. Mi auguro che il 2017 sia meglio, ma è molto difficile”.

Locatelli ha parlato anche a Premium Sport: “La festa? È una bella festa, sono contento di essere qui a rappresentare la prima squadra. Per me, è un’emozione”.

“Gol a San Siro? È stata un’emozione incredibile. Ho fatto il raccattapalle, poi ho giocato e segnato a San Siro. È stato un sogno che si realizza, un’esperienza fantastica”.

“Il momento? Sto vivendo un momento speciale. Devo ringraziare il mister per la fiducia, ma devo lavorare e dare sempre il 100%. Mi piace giocare, è quello che ho sempre fatto ragazzo. Mi piace quando il pubblico viene e vederci allo stadio, è un pubblico speciale. La mia vita è cambiata in meglio e sono contento coì. Mi reputo fortunato, quando un bambino mi chiede un autografo penso che prima ero io a chiederlo ai giocatori della prima squadra”.

“La diffida? Se il mister decide di farmi giocare scenderò in campo e darò tutto, come sempre. Cercherò di far bene”.

“Gruppo? Siamo uniti, c’è un bel mix di giovani e giocatori esperti. Questa è la nostra fortuna”.

“Il mio idolo? È sempre stato Montolivo, che fa anche il mio ruolo. L’ho sempre ammirato, giocare con lui è un piacere, è una persona fantastica. Chi calcerà i prossimi rigori? Non so, lo deciderà il mister. Niang è un giocatore forte”.

Manuel Locatelli ha anche parlato agli altri giornalisti presenti: “Il 2016? E’ stato un anno importante, ho realizzato dei sogni, ma devo continuare così. Spero di fare bene anche nel prossimo”.

La crescita? Devo sempre lavorare al massimo, il bello deve ancora arrivare. È stato un anno speciale, è bello essere qui oggi a rappresentare la prima squadra”.

Settore giovanile? Qui lavorano persone speciali. Galli, Brocchi e De Vecchi mi hanno aiutato tanto”.

Montella? Io devo migliorare in tante cose. Il mister mi dice di giocare semplice”.

I compagni? Montolivo è sempre stato un esempio per me, è una persona speciale. Anche Abate e Bonaventura mi hanno aiutato tanto”.

La finale? Pensiamo prima all’Atalanta, poi penseremo alla Supercoppa”.

Atalanta? E’ stata importante, ma io ho fatto il percorso al Milan. Sarà una gara importante come tutte le altre”. Intanto Galliani parla del rinnovo di Donnarumma….

LEGGI ANCHE GIGIO RACCONTA L’ESORDIO

LEGGI ANCHE INCONTRO FASSONE GALLIANI

LEGGI ANCHE PETAGNA: “EMOZIONATO DALLA SFIDA COL MILAN”

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy