Galli: “Zaza? Un giocatore interessante, si porta dietro la fesseria al Mondiale”

Galli: “Zaza? Un giocatore interessante, si porta dietro la fesseria al Mondiale”

L’ex: “De Boer? Come Inzaghi, Seedorf e Brocchi”

MILANO – L’ex rossonero Giovanni Galli ha parlato a News.superscommesse.it: “Zaza? Io direi di aspettare un attimo. Siamo ancora a novembre, ci sono ancora sei sette partite da giocare, credo che si possa cambiare idea su tutto e su tutti. Zaza aveva fatto vedere delle cose interessanti, poi purtroppo dall’Europeo si è portato dietro quella fesseria per quel calcio di rigore contro la Germania. È andato in Inghilterra e non sta facendo assolutamente bene. Può darsi che può essere quel giocatore che riportato in Italia possa ritrovare lo stimolo, l’entusiasmo, la voglia di giocare. È un giocatore interessante”.

“Esonero De Boer? Se dovevano mandarlo via ancora prima era meglio se non lo prendevano. Io credo che quello che è successo all’Inter è lo stesso accaduto al Milan negli ultimi anni. Non dimentichiamo che il Milan è passato da Seedorf, Inzaghi, Mihajlovic, Brocchi, quindi ce ne sono stati di errori. Può succedere, dispiace perché de Boer è un tecnico preparato, arrivato in un contesto difficile, perché l’Inter è un contesto difficile. Il prossimo allenatore deve avere soprattutto l’appoggio della società che deve far in modo di far capire ai giocatori che prima viene la società, poi l’allenatore e infine i giocatori. All’Inter probabilmente c’è qualcuno che pensa di essere più importante dell’allenatore e della società e questo non si può accettare nel calcio. I riferimenti ci sono all’interno della squadra e questi giocatori devono capire che prima viene l’Inter, poi viene l’allenatore e poi vengono loro. Non fanno un piacere all’Inter se giocano nell’Inter”. Intanto buone notizie per NiangLEGGI ANCHE MILAN SU MINA

LEGGI ANCHE RISPUNTA MAMMANA

LEGGI ANCHE TOLISSO OSSERVATO SPECIALE

IlMilanista

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy