Flavio Roma: “Lo scontro Ibra-Onyewu? Che paura, rischiammo di farci male noi”

Flavio Roma: “Lo scontro Ibra-Onyewu? Che paura, rischiammo di farci male noi”

L’ex rossonero: “Il talento inesploso di Pato penso sia uno dei rimpianti più grandi del Milan”

MILANO – L’ex portiere del Milan Flavio Roma ha parlato a Gianlucadimarzio.com: “Il mio Milan? Che squadra! E che spogliatoio: si passava dai più folli come Robinho e Cassano ai più stravaganti come Ronaldinho e Boateng. Cassano non stava mai zitto, scherzava sempre ma quando perdeva nella partitella in allenamento gli partiva il Barese e nessuno riusciva a capirlo se non che si lamentava”.

“I brasiliani? Ronaldinho e Robinho invece erano i classici brasiliani amanti degli scherzi e della musica, prendevano in giro chiunque. Sempre col sorriso. C’era anche Boateng, tutto musica e balli. Mentre Beckham era uno di noi ma soprattutto un professionista esemplare”.

“Il più forte? Ibra insieme a Nesta e Ronaldinho il più forte con cui abbia giocato. Anche se quella volta contro Onyewu fummo sconvolti, facevano paura! Ibra è appena arrivato e si presenta così…, pensammo. Meno male che finì tutto subito. Pensate che ci volle tutto il gruppo per dividerli, col rischio di farci male a nostra volta perché erano due colossi!”.

“Pato? Il talento inesploso di Pato penso sia uno dei rimpianti più grandi del Milan: aveva un potenziale enorme che non veniva mai fuori. Sembrava dovesse sbocciare da un momento all’altro ma poi puntualmente non accadeva. Gli infortuni sicuramente lo penalizzarono tantissimo”.

“Allegri? Era maestro nel far gruppo, amava lo scherzo e la battuta. Sa gestire il gruppo come pochi nei momenti particolari. Non sembra, ma prima delle partite è molto teso e parla di continuo per stemperare questa tensione. In allenamento poi faceva le partitine ed i tiri con noi, si trasformava in giocatore in tutto e per tutto! E si prendeva pure gli insulti come ognuno di noi, logicamente”.

“Il Milan di oggi? È in fase di costruzione. Ed i risultati in campo facilitano tutto il resto. La vecchia squadra fu ‘demolita’, è logico ci siano difficoltà ma c’è un gruppo di giovani che con un pizzico di maturità in più possono dire la loro”. Intanto i cinesi fissano il closing…

LEGGI ANCHE ASSALTO A KEITA

LEGGI ANCHE FEBBRE PER NIANG

LEGGI ANCHE MILAN SU DRIUSSI

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy