Costacurta: “Ero il sosia di George Micheal, Van Basten il più forte con cui ho giocato”.

Costacurta: “Ero il sosia di George Micheal, Van Basten il più forte con cui ho giocato”.

L’ex rossonero: “Nella top 11 dei giovani Donnarumma, Locatelli e Romagnoli. In campo vorrei sempre Maldini vicino, Pasquale Bruno il più falloso”

MILANO – Billy Costacurta, ex rossonero, è intervenuto alla presentazione del nuovo album panini: “Mi arrabbiavo quando non mi avvisavano della presenza del fotografo per le figurine? La squadra si arrabbiava. C’era una certa tutela dell’immagine. Direi a partire dal capitano sia Baresi che Maldini. Io solo i primi due anni quando avevo il mood del povero George Michael, perché avevo i capelli come lui ed ero uguale. Eravamo tutti innamorati di lui. Poi da quel momento non è più successo niente. Anche se l’orario d’arrivo dei fotografi era la cosa peggiore. All’alba e dopo 3/4 giorni di ritiro. Arrivavi che eri distrutto. Dicevano sorridi ed era un iter lunghissimo e alla fine in effetti, si può dire da str***, mettevano la faccia più incazzata. Per lo meno a me. Probabilmente non c’erano espressioni allegre (ride). Mia mamma e mia moglie mi rimproveravano sempre.

Le figurine? Da piccole le collezionavo e ci giocavo. Non ho mai pensato però un giorno ci sarò io. Ci ho pensato solo al Milan”.

Gli scatti? Duravano un quarto d’ora, venti minuti. Non era mai uno solo, c’era una trafila…destra, sinistra, profilo. Adesso sono bravissimi”.

Il più forte con cui ho giocato? Van Basten”.

Il più temibile avversario? Ronaldo il brasiliano quando era all’Inter e non al Milan”.

Chi vorrei sempre accanto a me? Maldini”.

Il compagno più falloso? Pasquale Bruno”.

Il più divertente? Non sembra, ma Pirlo e Tommasi che sono sempre seri poi sono divertenti”.

Il più vanitoso? Io per distacco”.

Il più sottovalutato al Milan? Massaro per tutto quello che ha fatto”.

I giovani? Lo sta dimostrando il mercato, l’indirizzo in generale è positivo”.

La mia top 11 degli italiani dal 1984? 3-5-2: Donnarumma; Rugani, Romagnoli, Caldara; Bernardeschi, Gagliardini, Benassi, Barreca e Locatelli; Petagna e Berardi. Non c’è molto là davanti”.

Sono tornati i grandi difensori? Sono tutti e tre molto bravi e migliorano di mese in mese. E’ un dato importante. Sono ambiziosi. E’ passata una generazione dove ce ne erano solo alla Juve”.  Intanto Galliani risponde così ai tifosi….

SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE SUL MILAN

LEGGI ANCHE LE DICHIARAZIONI DI LAPADULA

IlMilanista.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy