Collovati: “Cambi di prorpietà? Nel derby conta solo il campo”

Collovati: “Cambi di prorpietà? Nel derby conta solo il campo”

Fulvio Collovati ha parlato del derby

MILANO – Fulvio Collovati ha parlato del derby ai microfoni di TMW Radio. L’ex calciatore di Milan e Inter ha parlato a lungo della partita di domenica, sottolineando l’equilibrio della partita e la difficoltà di pronosticare il canovaccio del match, vista anche l’imprevedibilità dei nerazzurri in questa stagione. “Sarà il primo derby dei cinesi, ma ci sono tante riflessioni che interessano poco ai calciatori. I giocatori pensano ai 90′ sul campo e a vincere. Da ex calciatore, dico che conta solo il rettangolo di gioco. Per l’Inter, questo derby può essere decisivo. C’è un nuovo tecnico, la squadra sarà sollecitata a fare meglio per evitare brutte figure. Ma c’è il Milan che, insieme all’Atalanta, è la sorpresa del campionato. Sorprende vedere i rossoneri così in alto, visto che la squadra è sostanzialmente quella della scorsa stagione. L’ambiente è sereno, il Milan in passato partiva con l’obiettivo terzo posto. Invece, quest’anno, senza avere obiettivi sta facendo bene“.

Che idea si è fatto dall’addio di Mancini ad oggi?Sono stati scritti libri su questi ultimi due mesi, si può riassumere in tante cose. Come la mancanza di un progetto. Alcune scelte sono state fatte da Thohir, come la decisione di prendere de Boer. Mancini aveva capito che c’era qualcosa che non funzionava, altrimenti non sarebbe andato via. All’Inter ci sono stati uomini sbagliati al momento sbagliato. Il Milan finora ha avuto la normalità che l’Inter non ha avuto, probabilmente Pioli porterà normalità anche ai nerazzurri. Poi si vedrà se l’ex Lazio sarà il tecnico del futuro per l’Inter“.

Cosa ricorda del derby?Io ho giocato tanti derby. I ricordi più belli sono legati alle vittorie, ovviamente. La Gialappa’s mi prende ancora in giro per una circostanza avvenuta in un derby, bisogna anche sdrammatizzare e riconoscere la bravura degli avversari. Ci sono ricordi positivi e negativi, è normale quando si giocano tante gare“.

Pronostico?Ci pensavo, perché solitamente non mi astengo. Ma questa è una gara strana, lo dico perché il Milan arriva sereno alla partita. Potrebbe essere favorito, la squadra rossonera è terza in classifica. Ma una squadra che cambia mister, nella squadra successiva, in genere riesce a fare bene. Stiamo parlando comunque dell’Inter, quindi è difficile fare un pronostico in questo momento“.

IlMIlanista

Leggi anche le parole di Kucka a Casa Milan

Leggi anche il Chelsea presenta la prima offerta ufficiale per un obiettivo rossonero

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy