Cafu su Milan-Liverpool: “Sì è vero: celebrammo la vittoria durante l’intervallo”

Cafu su Milan-Liverpool: “Sì è vero: celebrammo la vittoria durante l’intervallo”

Dichiarazioni-bomba dell’ex giocatore del Milan Cafu.

Marcos Evangelista de Moraes, meglio noto come Cafu,
è stato un giocatore del Milan dal 2003 al 2008, con il quale ha vinto tutto. In questa intervista a Four Four Two, l’ex “Pendolino” rossonero rilascia delle dichiarazioni molto interessanti:

Quanto eri vicino ad andare a giocare in Giappone prima dell’offerta del Milan?

“Avevo un pre-contratto con Yokohoma e loro mi avevano già madato parte dei soldi. Ero convinto di andare lì, avevo 32 anni e stavo pensando al futuro, al mio ultimo contratto da professionista. Dopo, però, il Milan mi disse che mi voleva, 15 giorni prima della presentazione in Giappone. Non sarei riuscito a convivere con me stesso se avessi rifiutato un club come il Milan. Ho chiamato Yokohama, spiegando cos’era successo e come ridare loro i soldi che mi avevano già mandato. Loro furono molto comprensivi e mi mandarono una lettera per ringraziarmi per averli rimborsati. Ho detto loro che il Milan mi avrebbe pagato di meno, ma che sarebbe stata un’esperienza irripetibile.

Mi aspettavo di giocare un paio d’anni, alla fine furono cinque. La maggior parte delle persone dissero, al mio arrivo. che avrei giocato 10 partite all’anno; dopo tutto, avevano appena vinto la Champions League nel 2003. Ma durante la preparazione ero come un razzo. Non sono andato al Milan per passeggiare: se avessi voluto divertirmi sarei andato in Giappone. Sono stato titolare per 3 anni e mezzo: se avessi voluto riposare, Carlo Ancelotti avrebbe detto: “Nooo, Marcooo”.

Si dice che molti giocatori del Milan festeggiarono nell’intervallo della finale di Champions League, a Istanbul, con il Liverpool: è vero?

“Sì, è vero. Avevamo segnato 3 grandi gol contro il Liverpool, che era uno degli avversari più tattici che abbia mai affrontato. Pensavamo fosse il nostro giorno, e ci siamo rilassati. Quando i Reds segnarono i primi due, accusammo il colpo. Quando realizzarono il terzo, non potevamo crederci. Non fu colpa del Milan, il Liverpool meritò la rimonta. Ho una grande ammirazione per il Liverpool: forse un altro team non avrebbe mostrato così tanto carattere per rialzarsi dopo un parziale di 3-0 alla fine del primo tempo. Ho capito che era tutto perduto prima dei rigori, ovvero quando Shevchenko sbagliò una chiara opportunità proprio di fronte a Dudek, durante i supplementari”.

Quanto fu importante la voglia di vendetta nei confronti del Liverpool durante la finale del 2007, ancora contro di loro, ad Atene?

“Non abbiamo giocato  pensando alla vendetta, per niente. Il Milan era un team con molta esperienza. Io avevo 36 anni, Maldini 38, Costacurta 41 e Serginho 35. Sapevamo che era la nostra ultima chance per vincere quel trofeo, ma eravamo molto calmi. Non molte squadre riescono a giocare con quella tranquillità. Dopo che Inzaghi segnò grazie all'”assist” di Pirlo, sapevo che quella volta avremmo vinto: nel 2005 quel tipo di gol non sarebbe entrato”.

Come è stato lavorare con il presidente Silvio Berlusconi al Milan? Qual è stata la volta in cui si è arrabbiato di più? Ha mai invitato te e i tuoi compagni di squadra a una delle sue feste?

“Ha veramente abbracciato me e la mia famiglia: voleva perfino che realizzassi una speciale accademia  per i terzini a Milanello. Sono andato a una delle sue feste, ma era in un ristorante: è un “personaggio”. Io lo chiamavo ‘il dottore’. Amava i giocatori brasiliani. La sua vita privata è la sua vita privata. Con noi era come un padre. Conosceva molto il calcio e dava dei suggerimenti, ma non era mai invasivo: sapeva come comportarsi”. Intanto i rossoneri vicini al sostituto di Niang…

SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI MILAN

LEGGI ANCHE RIFIUTATA OFFERTA DALLA CINA PER KUCKA

LEGGI ANCHE IN SPAGNA ESALTANO DEULOFEU

LEGGI ANCHE DIEGO LOPEZ VERSO IL CHELSEA

LEGGI ANCHE CLUB CINESE VALE PIU’ DEL MILAN

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy