Bertolacci: “Seedorf il mio idolo, Totti il compagno più forte”

Bertolacci: “Seedorf il mio idolo, Totti il compagno più forte”

Il centrocampista: “Non mi sento arrivato, non mi basta semplicemente essere al Milan”

MILANO – Andrea Bertolacci, centrocampista del Milan, è stato intervistato da “Bomber”, inserto all’interno della Panini Magazine. Il rossonero ha raccontato del suo momento, delle sue ambizioni e soprattutto ha rivelato alcune curiosità: “San Siro? Uno stadio fantastico. Giocarci da avversario è stato impressionante, ma da quando sono al Milan è diventato ancora più importante per me. Calcare il prato della ‘Scala del calcio’, che ha visto le prodezze di campioni come Van Basten, Maldini e Kakà, è uno stimolo e un onore”.

Giocare nel Milan? Un grande privilegio, ma anche una grande responsabilità. Vestire questa maglia è il sogno di ogni ragazzo e la storia di questa club ci impone di dare il meglio di noi stessi per migliorare ogni giorno. La scorsa stagione è stata sfortunata e difficile, oggi l’unico obiettivo deve essere lavorare per tornare nelle posizioni che più ci competono”.

Squadra rimasta nel cuore? Sicuramente il Genoa mi ha dato tanto ed è la società che mi ha fatto fare il vero salto di qualità sia a livello personale che calcistico”.

Ambizioni? Il Milan è una grandissima squadra e sono fiero di farne parte, ma questo non mi basta: non mi sento arrivato e non lo sarò mai, anche perché in rossonero non basta semplicemente approdare. Devi dimostrare di essere fra i migliori. Sono stato sfortunato per via di qualche infortunio, ma il mio intento è quello di far vedere le doti che ho. Basta guardarsi indietro, bisogna costruirsi il proprio futuro. Arrivare in Serie A è stato il massimo, non voglio fermarmi e voglio vivere nuove emozioni da poter raccontare un giorno ai miei figli”.

I tecnici? De Canio e Del Neri mi hanno aiutato molto a crescere, però quello con cui ho avuto il rapporto più bello è Gasperini, che in particolare mi ha trasmesso la cultura del lavoro, l’attenzione ai dettagli e lo spirito di sacrificio”.

Numero di maglia? Il mio anno di nascita. Quando sono arrivato qui il mio numero preferito era occupato e allora ho optato per questo. Pregi e difetti? Non spetta a me dirli”.

Il mio ruolo? Il mio primo allenatore, quando ero bambino, mi schierò lì ed è un ruolo che mi diverte perché serve fare sia la fase offensiva che quella difensiva. Mi piace molto l’idea di intercettare i palloni e far ripartire la squadra: mi fa sentire utile al gruppo e mi dà carica”.

Idolo? Nel mio ruolo ho sempre apprezzato Seedorf, un giocatore di classe e spessore. In generale, però, mi piace guardare i grandi match e le grandi squadre in giro per il mondo, così da prendere spunti”.

La mia città del cuore? Roma per me significa casa, ha un valore affettivo speciale: lì sono cresciuto, ci vive la mia famiglia e ci sono i miei amici d’infanzia. Lecce e Genoa sono molto diverse, Milano è bellissima perché offre parecchie opportunità di qualsiasi tipo”.

Compagno e avversario più forte? Come compagno dico Francesco Totti, una leggenda del calcio italiano, come avversario quello che mi ha più impressionista è stato Pirlo, per intelligenza tattica, inventiva e tocco di palla”. Intanto i cinesi anticipano il closing…

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL MILAN

VERRATTI SOGNO DI MERCATO

LEGGI ANCHE DONNARUMMA VS BELOTTI

LEGGI ANCHE VIA LIBERA PER DEULOFEU

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy