Ancelotti: “Cinesi? Sarà impossibile eguagliare Berlusconi. Lui è il presidente della mia vita”

Ancelotti: “Cinesi? Sarà impossibile eguagliare Berlusconi. Lui è il presidente della mia vita”

L’ex tecnico rossonero: “Berlusconi è stato il grande innovatore che ha trascinato il calcio italiano dal medioevo all’era moderna liberandolo dalla polvere che c’era nel settore”

MILANO Carlo Ancelotti ha parlato di Silvio Berlusconi a Il Giornale: “Lo considero il mio presidente, il presidente della mia vita oltre che della mia carriera calcistica. Silvio Berlusconi non è stato uno dei tanti presidenti che hanno dato lustro al calcio italiano e alla storia del Milan. Berlusconi è stato il grande innovatore che ha trascinato il calcio italiano dal medioevo all’era moderna liberandolo dalla polvere che c’era nel settore. Pensi solo a questo dettaglio: oggi alcuni club hanno inserito nei loro staff la figura del nutrizionista, lui trent’anni fa parlava di alimentazione corretta a Milanello. Perciò il suo arrivo è stato vissuto, per molti versi, come una rivoluzione dell’antico. La mossa decisiva fu questa: organizzare la squadra di calcio come un’azienda. Da questa discese tutto il resto: la catena di comando snella, le grandi ambizioni, le linee guida attraverso cui raggiungere il successo sintetizzato dal famoso motto vincere e convincere, dare spettacolo, rispettare l’avversario. E per fare tutto ciò scelse un allenatore esordiente, Arrigo Sacchi, che praticava un calcio unico per l’Italia e offensivo. I risultati irripetibili, hanno raccontato tutto il resto e destineranno questa figura ai libri di storia. Lo dico a quelli del prossimo Milan: sarà impossibile eguagliare Silvio Berlusconi”. Intanto arriva il colpo di scena su Rodrigo Caio…

LEGGI ANCHE ZAZA TORNA IN ITALIA E PENSA AL MILAN

LEGGI ANCHE MILAN SU DEPAY

LEGGI ANCHE RODRIGO CAIO, C’È LA SORPRESA

LEGGI ANCHE VARDY ALCOOL E REDBULL NEL PREPARTITA

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy