Allegri: “Dobbiamo gestire meglio la palla. Le cinque punte? Non è il modulo ma l’atteggiamento…”

Allegri: “Dobbiamo gestire meglio la palla. Le cinque punte? Non è il modulo ma l’atteggiamento…”

Un soddisfatto Allegri commenta così il successo dei suoi uomini ai microfoni di RaiSport

MILANO – Un soddisfatto Allegri commenta così il successo dei suoi uomini ai microfoni di RaiSport: “Abbiamo sofferto perchè il Milan è una squadra mai doma. E’ una squadra che continua a giocare. Meriti al Milan, meriti soprattutto alla Juve che si è portata a casa questo risultato. Abbiamo sofferto perchè abbiamo avuto tante occasioni da gol ma non siamo riusciti ad approfittarne.”

Giocatori stanchi? Ho tanto giocatori che sono pronti. L’importante è avere questo atteggiamento. Poi vedremo chi sarà più in forma già da domani.

Modulo con cinque punte… Non è questione di modulo ma di atteggiamento. Se la squadra difende in maniera così egregia, posso permettermi di giocare con un modulo così offensivo. Quando è uscito Dybala abbiamo perso qualcosa.

La Juve ha un pò sofferto… Bisogna lavorare sulla gestione della palla. Errori da parte nostra potevano concedere a loro la possibilità di fare il 2-2.

Avete sofferto l’interdizione con questo modulo… Abbiamo sofferto quando non abbiamo più gestito la palla e perchè noi sbagliavamo troppi passaggi perchè schiacciati da loro.

Chiellini dopo il ko della Fiorentina diceva che con le big non riuscivate ad imporvi. Questo modulo deriva da ciò? “Ripeto, dipende dalle caratteristiche dei giocatori e da che gara si vuol fare. Le gare variano, se tutti danno disponibilità con più qualità in mezzo al campo la gestione palla è più semplice. La cattiva difesa finale era perchè non gestivamo palla”. Intanto ecco le parole di Montella…

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL MILAN

LEGGI ANCHE NIANG AL WEST HAM

IL DORTMUND APRE ALLA CESSIONE DI AUBAMEYANG

IL CROTONE VUOLE ELY

MILAN PENULTIMO IN UNA SPECIALE CLASSIFICA

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy