UEFA – Il piano di Barbara

UEFA – Il piano di Barbara

Barbara Berlusconi era a Nyon per discutere del fair play finanziario

barbara berlusconi

MILANO – Si è concluso il viaggio di Barbara Berlusconi in Svizzera. Lo scopo era parlare del futuro europeo del Milan e del temibile fair play finanziario che solo settimana scorsa ha mietuto un’altra vittima: il Galatasaray. Lo riporta l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport che evidenzia come la visita sia stata cordiale ma, che nel caso i rossoneri dovessero sgarrare, la sanzione costerebbe molto caro.  Barbara Berlusconi, accompagnata da Gandini, ha presentato al massimo organo del calcio europeo il piano di sostenibilità finanziaria messo a punto dalla dirigenza rossonera un mese e mezzo fa ad Arcore alla presenza degli stati maggiori milanisti e di Fininvest. Questo documento è richiesto obbligatoriamente a tutte le squadre che devono dimostrare di non aver problemi dal punto di vista economico.  Il Milan ha chiesto il cosidetto “Voluntary agreement” ovvero un accordo preventivo per poter rientrare nei parametri del Fair Play finanziario. Secondo la rosea il Milan scommette su se stesso, sopratutto perchè il prossimo bilancio sarà sanguinoso e la società deve farsi garante sulla copertura del debito. Se la Uefa dovesse accettare il piano di sostenibilità i rossoneri potrebbero spendere nel prossimo mercato, con la certezza che se non riuscissero a tornare nell’Europa che conta i problemi sarebbero tanti. La risposta della Uefa arriverà il mese prossimo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy