TIMEMACHINE: 5 LAZIO-MILAN DA RICORDARE

TIMEMACHINE: 5 LAZIO-MILAN DA RICORDARE

Aneddoti su Lazio-Milan.

L’ULTIMA DI NESTA LAZIALE CONTRO IL MILAN
Sandro Nesta, bandiera rossonera. Milanista dal 2002 al 2012, ha incarnato come pochi altri difensori della storia del Milan, la classe, lo stile, il talento connaturati alla maglia e al ruolo. Ma c’è un’ultima volta in cui il campione di Colleferro ha giocato con la maglia della Lazio contro il Milan. Bisogna risalire a quasi 17 anni fa. Siamo al 18 novembre 2000, gara di andata in Campionato all’Olimpico fra Lazio e Milan. Dopo il gol della Lazio campione d’Italia in carica e favorita con Dino Baggio in apertura di gara, è Shevchenko a pareggiare nel secondo tempo, proprio dopo un duello in area di rigore con lo stesso Nesta. La gara finisce 1-1, con un Milan che era di buon umore per aver vinto, pochi giorni prima di Lazio-Milan, il girone di prima fase di Champions League davanti a Leeds, Barcellona e Besiktas.

IL TABELLINO

LAZIO-MILAN 1-1

LAZIO: Peruzzi, Negro (1’st Favalli), Nesta, Mihajlovic, Pancaro, Lombardo, Stankovic (13’st Salas), Simeone, D. Baggio, Nedved, Crespo (35’st S. Inzaghi). All.: Eriksson.
MILAN: Abbiati, Chamot, Costacurta (45′ Julio Cesar), P. Maldini, Gattuso, Albertini, Giunti, Coco (30′ Serginho), Boban (31’st Helveg), Bierhoff, Shevchenko. All.: Zaccheroni.
Arbitro: Borriello.
Gol: 3′ D. Baggio (L), 8’st Shevchenko (M)

LAZIO-MILAN: ROSSONERI IN 10 E SOTTO DI UN GOL…
26 settembre 2004. Questa volta è il Milan ad essere campione d’Italia in carica, sul campo della Lazio padrona di casa. Quarta giornata di ritorno, dopo un inizio di stagione ondivago del Milan: pareggio in casa con il Livorno, vittoria a Bologna, sconfitta in casa addirittura con il Messina. La gara in posticipo domenicale all’Olimpico diventa molto importante, ma per il Milan si mette male abbastanza presto. Due gli episodi negativi: al 37′ del primo tempo il gol laziale con Fernando Couto, all’8′ della ripresa l’espulsione di Ambrosini. Sembra finita, un po’ come per il recentissimo impegno dei rossoneri a Bologna. Ma il Milan del settembre 2004 era zeppo di campioni e intriso d’orgoglio. Nonostante il gol di vantaggio della Lazio e l’inferiorità numerica, la squadra di Ancelotti rimonta e vince. Nel giro di quattro minuti, dal 25′ al 29′ del secondo tempo, due reti di Sheva chiudono la gara sul 2-1 a favore del Milan.

IL TABELLINO

LAZIO-MILAN 1-2

LAZIO: Peruzzi, Oddo, Siviglia, Fernando Couto, Oscar Lopez (32’st Di Canio), A. Filippini (32’st Liverani), E. Filippini, Giannichedda, Zauri, Pandev (39’st De Sousa), S. Inzaghi. All.: Caso.
MILAN: Dida, Cafu, Nesta, P. Maldini, Kaladze (23’st Pancaro), Gattuso (1’st Pirlo), Ambrosini, Seedorf, Kaká, Shevchenko, Crespo (23’st Tomasson). All.: Ancelotti.
Arbitro: Paparesta.
Gol: 37′ Fernando Couto (L), 25’st Shevchenko (M), 29’st Shevchenko (M).
Espulso: 8’st Ambrosini (M)

CINQUINA MILAN: LA NOTTE NERA DI MUSLERA
Il giovane Fernando Muslera, quella sera, era 21enne. La Lazio credeva molto in questo giovane portiere uruguaiano per il futuro. I biancocelesti si trovavano nella condizione di dover sostituire Angelo Peruzzi, ma non era riusciti a tesserare Carrizo. Ecco allora, Muslera. L’ex Nacional Montevideo aveva esordito discretamente nelle partite precedenti, ma contro il Milan va incontro ad una serata da incubo. Al 7 ottobre 2007, i rossoneri campioni d’Europa in carica avevano totalizzato solo 7 punti nelle prime sei giornate: una vittoria, quattro pareggi, una sconfitta. All’Olimpico, settima giornata, però Kaká e compagni riescono a dare una sterzata alla stagione. Dopo le reti di Ambrosini e di Mauri, il risultato non si ferma sull’1-1. È qui infatti che il Milan dilaga, prima con una doppietta di Kaká a cavallo fra i due tempi e poi con una doppietta di Gilardino nella ripresa.

IL TABELLINO

LAZIO-MILAN 1-5

LAZIO: Muslera, De Silvestri, Stendardo (11’st Scaloni), Cribari, Zauri, Behrami (24’st Baronio), Mudingayi, Mutarelli, Mauri, Pandev, Rocchi (32’st Tare). All.: Rossi.
MILAN: Dida, Oddo (36’st Simic), Bonera, Nesta, Favalli, Gattuso (37’st Brocchi), Pirlo, Ambrosini, Seedorf (38’st Gourcuff), Kaká, Gilardino. All.: Ancelotti.
Arbitro: Morganti.
Gol: 16′ Ambrosini (M), 23′ Mauri (L), 32′ rig. Kaká (M), 7’st Kaká (M), 24’st Gilardino (M), 34’st Gilardino (M).

THIAGO SILVA: GOL E AUTOGOL
Il Milan post-Kakà sembra essersi ormai davvero ripreso dallo shock della perdita del suo fuoriclasse. Dopo la vittoria di Madrid in Champions League, la squadra allenata da Leonardo ha messo insieme 7 punti in 3 partite, con 2 vittorie e 1 pareggio al San Paolo con i rossoneri che al 90′ erano in vantaggio 2-0 e che sono stati raggiunti dai partenopei nel tempo di recupero. Per proseguire nella sua marcia, il Milan doveva passare sul campo di una Lazio che all’epoca, 8 novembre 2009, era vittima della contestazione stessa dei propri tifosi. Contro la formazione allenata da Ballardini, il Milan vince 2-1 con Thiago Silva protagonista nel bene e nel male. Il primo gol della partita è suo, a favore del Milan, dopo 20 minuti di gioco. Sempre nel primo tempo, raddoppia Pato. Tutto sembra ormai incanalato a favore del Milan, quando a metà ripresa una sfortunata carambola nata da una conclusione di Zarate causa l’autorete di Thiago Silva. Partita riaperta, ma alla fine vince comunque, 2-1, il Milan all’Olimpico.

IL TABELLINO

LAZIO-MILAN 1-2

LAZIO: Muslera, Lichtsteiner, Siviglia (27’st Cribari), Radu, Kolarov, Brocchi, Baronio (17’st Meghni), Mauri (1’st Cruz), Matuzalem, Zarate, Rocchi. All.: Ballardini.
MILAN: Dida, Oddo, Nesta, Thiago Silva, Zambrotta, Ambrosini, Pirlo, Seedorf (36’st Flamini), Pato, Borriello (30’st F. Inzaghi), Ronaldinho (42’st Abate). All.: Leonardo.
Arbitro: Damato.
Gol: 21′ Thiago Silva (M), 35′ Pato (M), 19’st aut. Thiago Silva (L).

PER MEXES GOL DA DERBY AL POSTO DI ALEX
Il giorno dopo, il 2 novembre 2015, i giornali titolavano: “Fumata rossonera, è sbocciato a Roma il Milan di Sinisa! Lazio irriconoscibile”. La sera prima, infatti, il Milan aveva vinto grazie alla spinta del gol di un grande difensore, Philippe Mexes, per il quale, anche con la maglia del Milan, le gare contro la Lazio rappresentavano sempre un derby. I rossoneri erano in vantaggio 1-0 grazie a Bertolacci, ma dopo 6 minuti del secondo tempo, Alex lascia il campo dopo un duro colpo alla testa preso inavvertitamente in una mischia nell’area rossonera. Lo sostituisce proprio Mexes che fa il gol del 2-0, grazie al primo pallone toccato dopo il suo ingresso in campo. La gara finisce 3-1 a favore del Milan, ed è l’ultimo precedente in vista della prossima sfida, il Monday Night fra biancocelesti e rossoneri in questo avvio di girone di ritorno 2016/17.

IL TABELLINO

LAZIO-MILAN 1-3

LAZIO: Marchetti, Basta, Mauricio, Gentiletti, Lulic, Onazi (1’st Cataldi), Biglia, Candreva (18’st Kishna), Milinkovic-Savic (26’st Matri), F. Anderson, Klose. All.: Pioli.
MILAN: Donnarumma, De Sciglio, Alex (7’st Mexes), Romagnoli, Antonelli, Kucka, Montolivo, Bertolacci (35′ Poli), Cerci (36’st Honda), Bacca, Bonaventura. All.: Mihajlovic.
Arbitro: Damato.
Gol: 25′ Bertolacci (M), 8’st Mexes (M), 35’st Bacca (M), 40’st Kishna (L).

Intanto ecco le parole di Abodi sul closing…

SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI MILAN

GALLIANI: “MIO MERCATO MIGLIORE? L’ULTIMO”

LEGGI ANCHE DE GEA ALTERNATIVA A DONNARUMMA PER LA JUVE

LE PAROLE DI GALLIANI SU DEULOFEU

ECCO IL PIANO DI RILANCIO DEI CINESI

IlMilanista.it

Fonte: acmilan.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy