#TBT: IL DERBY DI PASQUA DI RUUD GULLIT

#TBT: IL DERBY DI PASQUA DI RUUD GULLIT

10 aprile 1993: l’Inter di Bagnoli si fa sotto nel derby di Pasqua, il titolo era in pericolo: ma Ruud…

Era il quinto derby della stagione. Nel Trofeo Luigi Berlusconi 1-0 rossonero con rete di Papin, all’andata in campionato il Milan delle Stelle aveva concesso ad un’Inter chiaramente inferiore il pareggio solo grazie ad un errore di Francesco Antonioli su un tiro innocuo di De Agostini, mentre nei quarti di finale di Coppa Italia i rossoneri avevano infierito sui nerazzurri superandoli per 3-0 con una doppietta di Papin e un gol di Gullit. Ma in quella stagione, 1992-93, il Tulipano Nero non aveva ancora terminato il suo lavoro nei derby…

Fabio Capello racconterà a fine campionato: “Quando a fine febbraio, con il Milan avanti di 11 punti sulla seconda, avevo sentito Mauro Tassotti dichiarare in una trasmissione che lo scudetto era ormai nostro, mi sono molto preoccupato“. E i fatti avrebbero dato pienamente ragione a Don Fabio. Il Milan delle Stelle e degli olandesi, di Lentini, Papin e , il Milan dei campioni italiani in difesa, dopo aver battuto il 7 marzo la Fiorentina in casa, inizia ad accusare stanchezza fisica e psicologica. Tanti infortuni, l’assenza di Van Basten, il doppio impegno fra campionato e Champions League: tutti fattori che pongono fine al record di imbattibilità dopo 58 risultati utili consecutivi (Milan-Parma 0-1, rete al 58′ minuto di Asprilla), ma soprattutto abbattono drasticamente la media-punti che, nelle cinque partite prima del derby in casa dell’Inter, scende a soli 4 in 5 partite. Quattro pareggi e una sconfitta, impensabile per un Milan stra-dominatore del campionato fino a quel momento. Eppure succede. E l’Inter di Bagnoli si fa sotto. Al termine di Milan-Fiorentina 2-0 del 7 marzo 1993, il Milan era primo con 39 punti (c’erano i 2 punti per la vittoria) e l’Inter seconda a quota 28. Prima del derby di ritorno, i rossoneri erano a quota 42 e l’Inter a 35. Se i nerazzurri avessero vinto il derby portandosi a meno cinque a sette giornate dal termine, tutto in teoria sarebbe potuto ancora succedere.

SILVIO BERLUSCONI: “GULLIT PROPRIO NON CI STAVA A PERDERE
Sfiorare un miracolo, è peggio che beccare una solenne lezione“, scrivono così i quotidiani all’indomani di quell’Inter-Milan 1-1 del sabato di Pasqua, gara giocata il 10 aprile 1993. Che cosa era accaduto? La squadra di Capello era scesa in campo convinta di poter gestire l’avversario, ma Bergomi, Berti e Ruben Sosa disputano un’ottima gara e trascinano i loro compagni di squadra al gol del vantaggio al 44′ del primo tempo. Il derby per i rossoneri è in pericolo in quel piovoso sabato pre-pasquale e di conseguenza anche il dominio del torneo, ma il tecnico interista Bagnoli pensa a difendersi inserendo Taccola al posto di Angelo Orlando, mentre il milanista Capello cambia e rafforza l’attacco inserendo un Massaro più adatto al terreno bagnato rispetto a Jean Pierre Papin. Fino a che, a sette minuti dalla fine, un pallone alto sfiorato proprio da Taccola viene spedito in rete da Ruud Gullit con un gran tiro. Il resto è la danza sotto la pioggia delle treccine olandesi e il Milan che si sente sicuro, come in effetti sarà, di aver respinto l’assalto avversario al titolo tricolore. Le dichiarazioni del post-partita sono tutte in linea con l’impresa centrata dai rossoneri. Silvio Berlusconi: “Gullit e Albertini sono stati i migliori, splendidi. Ruud non ci stava a perdere, ha dato il suo contributo seguendo le indicazioni di Capello, fino a segnare un gol magnifico“. Gullit: “Tutta l’Italia sull’1-0 tifava Inter, ci siamo sentiti punti nell’orgoglio. A me piace giocare i derby, queste partite in cui la tensione è palpabile“. Fabio Capello: “E’ stata una sofferenza, però il pareggio è più che meritato, perchè nel primo tempo anche noi eravamo stati pericolosi“.

IL CONTRATTO SFIORATO E GLI ALTRI DERBY PASQUALI
Dopo il gol decisivo messo a segno nel derby, Ruud Gullit era atteso, proprio alla metà del mese di aprile, dalla discussione con la società per il suo rinnovo contrattuale. Le parti decisero di rimanere in sospeso in vista anche degli impegni di Champions League, ma un mese e mezzo dopo, al termine della finale persa a Monaco di Baviera contro l’Olympique Marsiglia, il campione olandese avrebbe poi definitivamente deciso di passare alla Sampdoria allenata da Eriksson. L’Inter-Milan 1-1 del 13esimo scudetto rossonero l’aveva comunque deciso lui, Ruud Gullit. Nel sabato di Pasqua si era giocato il derby anche dell’anno precedente, il 1992: Milan-Inter 1-0, gol nel finale di

. Gli altri derby successivi nel sabato di Pasqua: 15 aprile 1995, Inter-Milan 3-1; 14 aprile 2006, Milan-Inter 1-0.

IL TABELLINO

INTER-MILAN 1-1

INTER: Zenga, Bergomi, De Agostini, Berti, Paganin, Battistini, Orlando (10′ st Taccola), Manicone, Schillaci, Shalimov, R. Sosa. All.: Bagnoli.
MILAN: S. Rossi, Tassotti (27′ Nava), P. Maldini, Albertini, Costacurta, Baresi, Lentini, Rijkaard, Papin (18′ st Massaro), Gullit, Eranio. All.: Capello.
Arbitro: Pairetto.
Gol: 44′ Berti (I), 38′ st Gullit (M).

Fonte: acmilan.com

Intanto il Milan piomba su due obiettivi di mercato…

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy