SUSO – Arrivederci o addio?

SUSO – Arrivederci o addio?

Suso da gennaio sarà un giocatore del Genoa

Jesús Joaquín Fernández Sáez de la Torre, meglio noto come Suso, da gennaio sarà un giocatore del Genoa. Lo spagnolo classe 1993 da quando è arrivato al Milan, il 17 gennaio del 2015, non ha mai convinto né Inzaghi prima e nè Mihajlovic poi collezionando appena 6 presenze. Il giocatore rossonero si trasferirà alla corte di Gian Piero Gasperini con la formula del prestito secco per sei mesi con opzione di rinnovo per un’altra stagione. Suso ha deciso di accettare le destinazione genovese dopo averla rifiutata nella scorsa estate, facendo saltare di fatto il passaggio di Diego Perotti al Milan. Adesso la situazione è cambiata, il giocatore sa che rimanere a Milanello non è di aiuto alla sua crescita e che con mister Mihajlovic non c’è spazio per lui. Il trasferimento in una piazza come Genova è per lui la soluzione migliore e un allenatore come Gasperini può aiutarlo a maturare. In casa Milan ovviamente, si augurano che allo spagnolo il prestito possa far bene come accaduto con Niang. Suso infatti era considerato una stella nascente del panorama calcistico tanto che il Liverpool, all’epoca allenato dallo spagnolo Benitez, lo acquistò dal Cadice quando lo aveva appena 17 anni. Dopo un iniziale svezzamento nelle giovanili dei Reds, Suso esordì in prima squadra nel 2012 riuscendo a collezionare 14 presenze in Premier League e 4 in Europa League. Con il passare del tempo però, ha avuto sempre meno spazio per dimostrare il suo talento ed ogni volta che è sceso in campo, del talento non si è intravista nemmeno l’ombra. Per questo motivo e per ritrovare quella fiducia mancata sino ad ora, passa all’Almeria in prestito nel luglio del 2013. In Spagna alterna prestazioni discrete ad altre in cui appare il lontano parente ammirato durante l’inizio della sua carriera e così a fine anno ritorna al Liverpool dove riuscì a collezionare soltanto una presenza prima di passare al Milan. La storia di Suso in maglia rossonera la conosciamo tutti: le occasioni sono state poche e adesso ha la grande chance di rilanciarsi al Genoa dimostrando le sue qualità e magari convincendo il club rossonero di aver sbagliato nel non prenderlo abbastanza in considerazione. Di fronte ha tante partite nelle quali giocare con continuità e cercare di avere un rendimento all’altezza. Se dovesse fallire, nella prossima estate quasi sicuramente farebbe ritorno a Milano per poi essere nuovamente ceduto, magari a titolo definitivo e magari in Spagna. A quel punto un ritorno nella Liga diverrebbe per lui una delle poche speranze per esplodere definitivamente. Ma speriamo che Suso faccia bene nel Genoa per poi farlo in futuro anche in rossonero. Che questo sia solo un arriverci e non un addio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy