Shevchenko: “Zaccheroni? Grazie a lui sono diventato importante”

Shevchenko: “Zaccheroni? Grazie a lui sono diventato importante”

L’ex attaccante del Milan racconta della sua nuova esperienza come commissario tecnico del

MILANO – Andry Shevchenko, fresco commissario tecnico della Nazionale ucraina, ha parlato al quotidiano francese L’Equipe: “Quello del ct è un ruolo che mi avevano già proposto nel 2012, ma non ho accettato perché ero stanco, avevo bisogno di tempo. Volevo acquisire esperienza prima di essere da solo. Oggi lo sono, dopo due e mezzo a studiare tante squadre, allenatori e ottenere il mio diploma a Kiev. I miei modelli? Lavorare con grandi allenatori è stata una bella una bella esperienza. Lobanovski? Da lui ho imparato la disciplina, l’organizzazione e il senso del sacrificio, era freddo coi giocatori, ma teneva il gruppo così. Zaccheroni ?Con Zaccheroni mi sono adattato al calcio italiano. Mi ha insegnato a migliorarmi sia come uomo che calciatore. Grazie a lui sono diventato importante al Milan. Maldini? Quand’è arrivato, eravamo messi male. Mi ha lasciato un gran ricordo, gran bella persona. Ancelotti è forte per costruire gioco, per creare rapporto con i suoi calciatori. Ha una grande capacità di sorprendere. Zidane? Non lo conosco personalmente, ma penso che tutto il tempo al fianco di Ancelotti gli abbia fatto bene. Ha dato un segnale a tutti”. Intanto il Milan lavora per regalare il grande colpo..

LEGGI ANCHE LE PAROLE DI MONTELLA

LEGGI ANCHE NON SI VENDE DE SCIGLIO

LEGGI ANCHE IL FUTURO DI BACCA

Ilmilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy