L’indiscrezione: il Tianjin lascia Aubameyang

L’indiscrezione: il Tianjin lascia Aubameyang

La redazione de IlMilanista.it ha raccolto in esclusiva alcune indiscrezioni provenienti dall’ambiente cinese: la parole di Fabio Cannavaro nascondono un dettaglio…

Di Delia Paciello

MILANO – Il Tianjin preoccupa il Milan: ora l’obiettivo rossonero in attacco è Pierre-Emerick Aubameyang,ma le ombre cinesi spaventano Mirabelli e Fassone. Sulla proposta economica non c’è concorrenza: il club rossonero non potrebbe competere con l’offerta del Tianjin, anche se è disposto ad un enorme sforzo economico per avvicianarsi all’ingaggio richiesto dal giocatore. Ma proprio dalla Cina arrivano le prime rassicurazioni.

aubameyang

L’indiscrezione dall’ambiente cinese

 

Aubameyang? Lo seguivamo, ma non parlo di mercato“, ha affermato Fabio Cannavaro. Non vuole parlare l’allenatore del Tianjin, ma un dettaglio da notare c’è: Fabio ha usato il passato. Questo induce a pensare che magari la pista che porta all’attaccante francese è ormai chiusa, che il mercato cinese è agli sgoccioli – venerdì 15 luglio terminerà ufficialmente – e che quindi molto probabilmente il Milan non ha più nulla da temere sul fronte orientale. O forse potrebbero aver già chiuso tutto in positivo, ma l’ipotesi resta improbabile anche a sentire le altre voci provenienti dall’ambiente cinese.

Ma la buona notizia arriva anche dagli altri acquisti: l’accordo col Colonia per l’acquisto dell’attaccante classe ’88 Anthony Modeste sembra ormai vicinissimo. L’obiettivo Aubameyang sembra ormai più lontano per i cinesi.

cannavaro

Spunta un altro pericolo sul fronte occidentale

 

Insomma, via libera ai rossoneri nell’inseguimento ad Aubameyang. Ma se il fronte cinese non preoccupa più, da occidente arriva un’altra minaccia: è il Chelsea di Antonio Conte, pronto ad una super offerta. E forse restare in Europa potrebbe essere sicuramente la volontà dell’attaccante del Borussia Dortmund.

L’unica carta da giocare per il Milan resta quella del papà Yaya, legato al club menenghino con il quale ha già fatto tesserare nelle giovanili i suoi tre ragazzi: insomma, anche questa volta tocca alla famiglia intervenire negli affari di Casa Milan.

Seguici anche su Telegram: clicca qui e scopri come

3

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy