Lapadula un urlo per il secondo posto

Lapadula un urlo per il secondo posto

Rossoneri e giallorossi attesi allo scontro diretto la prossima settima

MILANO – Roma e Milan si godono per 7 giorni abbondanti il secondo posto in campionato. Si godono anche il leggero distacco che piano piano sta iniziando ad aumentare dalle terze, che rimangono a meno 4. Nelle posizioni che contano si è rifatto vivo il Napoli, ma ancora è presto per occuparsene. Dopo molti anni è il momento di guardare in alto visto che era dall’ultimo anno dei senatori che il Milan non toccava quota 32 punti in 15 gare. La sfida con il Crotone ancora una volta ci insegna molto. Il Milan fatica con le piccole, fatica con le squadre che si chiudono e ti beffano sulle ripartenze. Era successo con l’Udinese, con il Pescara, con il Palermo e con l’Empoli. Di queste partite solo una è stata persa dal Milan a dimostrazione di quanto sia cambiato dagli scorsi anni. Lapadula alla fine urla di gioia, urla per il gruppo che tra 7 giorni è atteso ad una sfida importantissima contro la Roma. Gruppo, è questa la forza di Montella. Aver compattato una squadra allo sbando, aver revitalizzato giocatori che sembravano impossibili da recuperare e questo Milan ha in Lapadula il suo simbolo di umiltà. Segna il gol vittoria, ma si rimprovera per aver giocato male. Litiga per il rigore, poi chiede scusa a Niang. Contro la Roma ci vuole un altro urlo.

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy