Kalinic, storia di un’amore non ricambiato

Kalinic, storia di un’amore non ricambiato

Il croato non ha mai convinto a Milano

di Redazione Il Milanista
Calciomercato Milan, Kalinic pronto ai saluti: il Milan vorrebbe 20 milioni

MILANO – Domenica Nikola Kalinic tornerà a giocare all’ “Artemio Franchi”, lui che gli ultimi mesi con la maglia viola gli ha vissuti da malato, con tanto di certificato di medico per “mal di stomaco da calciomercato”. Ma lui, tifoso rossonero da sempre, voleva il Milan e la maglia numero 7 di Sheva, il suo idolo. Mirabelli e Fassone però non erano convinti che Kalinic potesse essere la cura al mal di gol della squadra di Montella. Non a caso prima di lui, i dirigenti hanno trattato Belotti, Aubameyang e Morata. Ma i sogni non sempre d’oro: con il Milan, dopo l’esordio con doppietta ai danni dell’Udinese, sono arrivate le sostituzioni e i fischi. Forse questo matrimonio è nato sotto una cattiva stella: Mirabelli durante la presentazione disse: “Se non segni torni da loro” con i viola che storsero (giustamente) il naso. Domenica Gattuso, dopo il pari contro l’Atalanta, ha chiesto ai tifosi milanisti di non fischiarlo. Con molta probabilità il Milan durante il prossimo mercato farà partire il croato in Cina o in Arabia se non segnare una pesante minusvalenza, ma Kalinic fa sapere che lui al Milan sta bene e che vuole riscattare la sua stagione. Chissà se domenica contro la sua ex Fiorentina, Gattuso punterà su di lui, anche perché l’allenatore è l’unico vero estimatore del croato in quel di Milano. (La Gazzetta dello Sport)Intanto 5 big sono pronti all’addio: CLICCA QUI

Seguici anche su: Facebook / Instagram / Twitter

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy