Il gioco del Milan poggia tutto sulle accelerazioni di Niang

Il gioco del Milan poggia tutto sulle accelerazioni di Niang

Alla fine ha vinto Bacca, il grande escluso, l’uomo più chiacchierato. Un po’ anche Montella, che ha fatto marcia indietro sull’esclusione del colombiano

MILANO – Scrive stamattina La Repubblica, alla fine ha vinto Bacca, il grande escluso, l’uomo più chiacchierato. Un po’ anche Montella, che ha fatto marcia indietro sull’esclusione del colombiano. Di certo, non ha perso Giampaolo, uscito tra gli applausi. Il gioco del Milan – si legge – poggia tutto sulle accelerazioni di Niang; calo di creatività, invece, per Bonaventura, a disagio nel ruolo di mezzala. L’arbitro Irrati non si è rivelato ininfluente: tra le sue contestate decisioni (tre i rigori reclamati, due dal Milan e uno dai blucerchiati) ha pesato il gol annullato a Barreto: non c’era il fuorigioco sulla girata sfiorata a ingannare Donnarumma.

LEGGI ANCHE FERRERO: “MONTELLA FRATELLI COLTELLI”

LEGGI ANCHE BACCA DIVIDE I TIFOSI

LEGGI ANCHE KESSIE AMMICCA AL MILAN

LEGGI ANCHE I TIFOSI DEL CITY ACCUSANO IL MILAN

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy