De Paul e Banti condannano il Milan

De Paul e Banti condannano il Milan

Squadra ottima nel primo tempo, nel secondo è tutto condizionato

MILANO – Finalmente il Milan entra in campo cambiando l’ultimo trend negativo. Squadra aggressiva, ma attenta allo stesso tempo alle ripartenze. I padroni di casa dell’Udinese provano a fare densità, ma i rossoneri sono bravi nel velocizzare il giro palla. Il Milan va subito avanti con la premiata ditta Suso-Bonaventura, cross dello spagnolo e ottimo inserimento dell’Ex Atalanta.

Fuori JackBonaventura si fa male e al suo posto entra Duelofeu. Nonostante il gol e il cambio non ci sono modifiche allo schema di gioco di entrambe le compagini. Rossoneri che fanno la partita, ma Locatelli rimette in corsa l’Udinese. Erroraccio e gol di Thereau. I friulani così trovano un po’ di coraggio, col Milan che cerca a fatica di ripartire.

La ripresa – Parte fortissimo l’Udinese con il pressing alto che schiaccia il Milan nella propria metà campo. Il Milan pian piano riesce a infilare i propri contropiedi con Deulofeu che finalmente sale in cattedra. Mai egoista riesce sempre nell’appoggio al compagno.  Manca mezz’ora e finalmente è il Milan che torna a fare gioco rendendosi più volte pericoloso. Bene nel fraseggio e nel pressing alto. L’Udinese arretra per difendere il pareggio.

La decide l’arbitro – De Paul entra da dietro a pallone distante su De Sciglio. Sarebbe rosso diretto, ma arriva solo il giallo. De Sciglio esce infortunato, l’arbitro ritarda il cambio e proprio De Paul porta in vantaggio l’Udinese con il Milan in 10.

Condizionata – Ora il Milan si ritrova ad inseguire con l’Udinese completamente chiusa nella propria metà campo. I rossoneri provano a lanciare l’assalto finale, ma ormai la frittata è fatta. Terza sconfitta in 8 giorni, ora Montella deve rimettere insieme i pezzi. Intanto è fatta….

SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE SUL MILAN

LEGGI ANCHE IL MILAN SI RAFFORZA

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy