CESSIONE MILAN – Spunta un principe malese… senza soldi!

CESSIONE MILAN – Spunta un principe malese… senza soldi!

Il 31enne, amante dello sport e presidente del Johor Darul Ta’zim Football Club sogna di poter acquisire il club rossonero

MILANO – Dopo quella che porta alla cordata cinese, è spuntata un’altra pista orientale per il Milan e porta la firma del principe malese Tunku Ismail Sultan Ibrahim. Il 31enne, amante dello sport e presidente del Johor Darul Ta’zim Football Club – squadra di seconda divisione del suo Paese – aveva svelato al quotidiano di Singapore The Straits Timesil suo desiderio di acquistare il club rossonero: “Sto progettando di acquistare il Milan, vedremo come andrà questa trattativa. Amo il Milan e ho sempre amato il calcio italiano fin da quando ero piccolo. Il JDT resta al centro del mio progetto ma voglio comprare un club europeo e spero che sia il MilanSi tratta di una possibilità molto concreta. Potremo così creare una sinergia tra Milan e JDT con una collaborazione forte, sarà una situazione molto diretta”.

SMENTITA – Una volta rese note tali dichiarazioni, lo stesso Tunku Ismail Sultan Ibrahim c’ha tenuto a fare chiarezza attraverso i profilo Facebook ufficiale del suo club: “Mi è stato chiesto se avrei interesse a comprare un club straniero e ho ammesso che il mio sogno sarebbe il Milan, ma ciò non vuol dire che voglio acquistarlo. Come detto, è una squadra che adoro fin da giovane ma non la sto comprando. Non ho i soldi per farlo, non sono ricco come gli altri imprenditori malesi ma sono solo un giovane uomo con grandi ambizioni. Il mio JDT non può competere nemmeno con le big del mio Paese, figuriamoci se potrei prendere il Milan e sfidare Juventus o altre grandi del calcio italiano. Il mio unico club è il JDT, una piccola squadra con grandi obiettivi”.

LEGGI ANCHE: MERCATO – Possibile incontro Milan-Liverpool per Balotelli

LEGGI ANCHE: MERCATO – 5 occasioni estive per il Milan

ilmilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy